ISTORIA CIVILE DEL REGNO DI NAPOLI

Copertina anteriore

Dall'interno del libro

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 205 - Angelucci, reo per altro di altri delitti, tenuto costante» mente dal volgo per disseminatore di polveri, ma nel» l' istesso tempo fu presa rigorosa vendetta degli inventori » di questa favola; molti di essi essendone stati in oscure » carceri condotti, cinque di loro in mezzo al mercato sulle » forche perderon ignominiosamente la vita, e in cotal guisa
Pagina 262 - Soffrirono o guerre crudeli, o (quel eh' è peggiore) gravi timori di quelle, incendii del Vesuvio, Iremuoli, scorrerie di banditi, invasioni di Turchi, sedizioni, tumuli!, carestie, oppressioni, gravezze intollerabili, pestilenze crudelissime, e tanti altri mali che inorridiscono gli animi sentendogli. E pure in mezzo a tante sciagure si videro moltiplicare le chiese e...
Pagina 84 - ... laici. Si fa conto dai più esperti, e da coloro che sanno lo stato del regno, che delle tre parti delle rendite, pressoché due si trovano nelle mani degli ecclesiastici, dalle quali non possono mai ritornare in potere de' laici, per le leggi strettissime fatte a lor beneficio, che l'impediscono.
Pagina 84 - I pubblici pesi si soffrono da' secolari solamente , e si rendono ora assai più insopportabili, perché passando continuamente i beni, che prima erano in poter de laici, in mano degli Ecclesiastici, viene a cadere tutto il peso, che prima era ripartito , sopra il rimanente , che resta sotto al dominio de
Pagina 61 - ... la filosofia che sino a questi tempi era stata fra noi ristretta ne' chiostri, e ridotta o ad alcune sottigliezze di logica e di metafisica, o ad alcuni discorsi vani ed inutili, prese un nuovo lustro dallo studio delle scienze naturali e da un'infinità di nuovi scoprimenti, e dal buon metodo posto in uso per trattarla...
Pagina 205 - ... e con scarpe o cappelli o altra cosa differente dal comune uso de' cittadini, correvan rischio della vita. Per acchetar dunque la plebe bisognò far morire...
Pagina 204 - Cannine, affin di attaccar brighe, che poi finissero in tumulti, avventaronsi sopra di essi imputandoli di aver loro trovata addosso la sognata polvere. Al rumore essendo accorsa molta gente, per buona sorte vi capitò ancora un uomo dabbene, il quale con soavi parole e moderati consigli...
Pagina 12 - Ponzio in mezzo de' tormenti non lasciossi scappar di bocca né pure una sola parola. Fu tormentato ancora il Campanella, di cui si legge una sua lunga deposizione fatta nel mese di febbrajo del nuovo anno 1600, nella quale, a guisa di fanatico e di forsennato, sia per malizia, sia per lo terrore, ora affermando, ora negando, tutto s'intriga e s'inviluppa: gli riusci, per tante cose strane ed inette che gli usciron di bocca, farsi creder pazzo, onde fu condennato a perpetuo carcere, dal quale a lungo...
Pagina 165 - ... 16 di luglio da gente appostata nel convento del Carmine ucciso, siccome fu fatlo d'alcuni altri de' suoi confidenti ; e dal vedersi, che la plebe non fu niente commossa dalla sua morte, anzi pareva che godesse alla vista del teschio conficcato ad un palo, si credeva che fosse ogni cosa per ridursi in buon ordine e quiete. Ma con dannosa imprudenza strapazzati da...
Pagina 164 - Serissimo , che la plebe contro la nobiltà lungo tempo nutrito avea ; onde i sollevati scorrendo per le strade, trucidarono alcuni nobili , arsero le case d...

Informazioni bibliografiche