Storia delle compagnie di ventura in Italia. (Opere utili ad ogni persona educata. Storia).

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 368 - ... e che non corriamo noi spontaneamente e popolarmente a difenderla con i petti e con le braccia nostre. Perché se ora non si sostiene quella città, non rimane a noi più luogo di affaticarci per noi medesimi, non di dimostrare la nostra virtù, non di spendere per la salute nostra le nostre ricchezze.
Pagina 246 - Screzzana (I), che fu l'ultima che facesse « la nostra città avanti alla ribellione di Pisa; si che « non fu da prendere meraviglia, se in quel principio « facessero le genti italiane sì mala prova cogli ol
Pagina 102 - Piccinino partiva da un corpo piccino, zoppo, paralitico e pieno di altri malanni, cosicché nel camminare dovea sovente farsi sorreggere da due servi e con grave stento poteva venir messo a cavallo. Né la facondia gli compensava punto la perversa disposizione delle membra, anzi narrasi che nelle consulte era ben raro che gli escisse di bocca altro che un qualche magro "mi pare". L'animo adunque l'animo solo invitto trionfava nel Piccinino con perpetua battaglia delle esili forze del corpo; laonde...
Pagina 352 - Ferrara, la cominciarono, e non la seguirono; il che é statoper difetto loro, non degli uomini loro. Ed io vi affermo, che qualunque di quelli, che tengono oggi stati in Italia, prima entrerà per questa via, fia, prima che alcun altro, signore di questa provincia; ed interverrà allo stato suo come al regno de...
Pagina 102 - Spirito, cil. 111.71. (SRI.™ disperato moriva (1). Capitano di subiti consigli, presto * all'odio, all'amore, al biasimo, alla lode, all'ira, alla riconciliazione : più facile a eseguire un'ardita impresa, che a ponderarne la difficoltà o la giustizia; pronto, audace, ed anzi che audace, temerario; ma in modo che la temerità e la prontezza gli fosse talora origine, talora rimedio di mala fortuna: non mai soggiogato, non mai abbattuto dalla sorte, ma ritrovante in sé contro ogni sciagura nuove...
Pagina 104 - ... animo né il senno manchi , ma la fortuna ; e de'suoi casi per suo amore senti dispetto , DÒ tanto le sue crudeli esecuzioni ti turbano l'animo che tu non compatisca alla necessità : onde il Ricotti paragonando costui a Francesco Sforza non esita di sentenziare che un animo gentile quando fosse costretto a scegliere , preporrebbe le sventure del condottiero perugino allo splendore principesco dell'emulo suo. Come capitano lo Sforza così fu Principe, malvagio e tristo; il cui fallire fu operazione...
Pagina 246 - ... di lontano, non potevano però sostenere l'impeto della cavalleria, e perciò poco si mescolavano ne' fatti d'arme, se non con gran loro vantaggio, e in luoghi montuosi e difficili...
Pagina 245 - PRIMO. 2'<9 vano cavalli leggerissimi al corso; tenevano indosso sopravvesti corte e senza maniche con leggieri imbottiti, per rintuzzare la forza dei colpi ostili: taluno aveva anche maniche e guanti di ferro: portavano in mano una zagaglia ferrata agli estremi, lunga dove dieci, dove dodici piedi, in capo un bacinetto di ferro, al braccio un piccolo scudo, allato una larga spada ed all'arcione una mazza d'arme. Una banderuola sventolata sulla punta di un'asta li rannodava o scioglieva: ed eglino...
Pagina 246 - ... da genti tra gli altri soldati manco apprezzate: non portavano bandiere né insegne nelle compagnie, e nelle rassegne e mostre che facevano, camminavano quasi trottando, e continuamente gridando il nome del principe, dal quale eran condotti; e così andavano festevolmente saltellando dietro al suono d'un tamburino col zufoletto, piuttosto a guisa di giuocatori che di soldati messi in ordinanza e ben disciplinati...
Pagina 241 - I fanti venivano assoldati a bandiere. Una bandiera comprendeva solitamente due caporali , due ragazzi, dieci balestrieri, nove palvesai e una paga morta; sotto il qual nome s' intendevano i servitori del capitano della bandiera od altra gente inutile, che tuttavia per suo vantaggio gli veniva valutata, come se effettivamente militasse. Le armi di ciascun soldato, sia a pie sia a cavallo, erano determinate (1).

Informazioni bibliografiche