Vite de' pittori, scultori, ed architetti napoletani, Edizione 84,Volumi 1-2

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Sommario

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 367 - Regno , coetanei , e della medefima proCessione ; ma molto differenti nelle qualità de' costumi , e dell'arte: perché Paolo fu modesto, e assai valente ; Mino di molto minar valore , ma tanto presuntuoso ed arrogante , che oltre il far suo pien di superbia con le parole , ancora alzava J'uor di modo le proprie fatiche.
Pagina 319 - ... molto commendato dal Lomazzo nel suo Tempio della Pittura, e da altri celebri uomini . In somma per questi e per altri rilevanti motivi resosi molto accetto alla nazione Napoletana , meritò per pubblica scrittura di essere aggregato a quella cittadinanza.
Pagina 52 - ... scorta del vero, che in quelle di Cimabue; poiché sono condotte con facil modo di tingere , con grazia di volti , e con panneggiamenti osservati secondo il verisimile ; ed in somma per quanto comportava lo stile incolto di que...
Pagina 70 - Giovanni una infinità di storie delle vittorie ottenute da quel si-' gnore contra i Turchi, con molte statue che sono in quell'opera, tutta isolata e condotta con molta diligenza. Doveva questo sepolcro esser portato in Ispagna; ma non avendo ciò fatto, mentre visse quel signore, si rimase in Napoli.1 Morì Giovanni d'anni settanta, e fu sotterrato in Napoli l'anno 1558.
Pagina 13 - Ibi bestia praefert equum, capram trahens retro dimidiam ; hic cornutum animai equum gestat posterius. Tarn multa denique tamque mira diversarum formarum ubique varietas apparet, ut magis legere libeat in marmoribus quam in codicibus, totumque diem occupare singula ista mirando quam in lege Dei meditando. Proh Deo! Si non pudet ineptiarum, cur vel non piget expensarum?
Pagina 234 - Matrice, 3 il quale fece in Ascoli, in Calavria, ed a Norcia molte opere che sono notissime, che gli acquistarono fama di maestro raro, del migliore che fosse mai stato in quei paesi.
Pagina 182 - Santo ; benchè questa da alcuni sia tenuta per mano di Colantonio, e fatta in sua gioventù. Ma la pittura più bella , per la quale molta lode gli si deve , è quella dipinta a fresco nella chiesa di S. Chiara , nella cappella laterale alla porta maggiore , la quale rappresenta la Vergine col bambino in braccio , sotto una tribuuetta alla gotica , dipinta a chiar...
Pagina 276 - Croce, e ne' peducci, o triangoli stanno li quattro Evangelisti, e dalle bande due mezi tondi, o archi con historie della Passione di N. Signore Giesù, e ne' pilastri vi si veggono due Profeti, li quali scorgonsi della maniera della volta a fresco dipinta, li quali non hanno, che fare con li quadri già detti, a olio conclusi, se bene il Padre l'aiutò con qualche disegno; ma li Profeti lavorati ne...
Pagina 160 - ... figure. Oltre a questo egli diede principio agli affetti, che si conoscesse in parte il timore, la speranza, l'ira e lo amore; e ridusse a una morbidezza la sua maniera, che prima era e ruvida e scabrosa; e se non fece gli occhi con quel bel girare che fa il vivo, e con la fine de...
Pagina 375 - Ma chi coii» sidererà la qualità di que1 tempi , la carestia degli » artefici , la difficoltà de1 buoni ajuti ; le terrà non » solo belle , ma ancora miracolose : ed averà piacere » infinito di vedere i primi principi, e quelle scintille » di buono, che nelle pitture e sculture cominciavano

Informazioni bibliografiche