Immagini della pagina
PDF
ePub

cersi iubet, eorum et aliorum, quos idoneos ducebat, consilium habet. ita more maiorum ex consili decreto per legatos Iugurthae imperat argenti pondo ducenta milia, elephantos omnis, equorum et armorum aliquantum. quae postquam sine mora facta sunt, iubet omnis perfugas vinctos adduci; eorum magna pars, uti iussum erat, adducti, pauci, quom primum deditio coepit, ad regem Bocchum in Mauretaniam abierant. igitur Iugurtha, ubi armis virisque et pecunia spoliatus est, quom ipse ad imperandum Tisidium vocaretur, rursus coepit flectere animum suum et ex mala conscientia digna timere. denique multis diebus per dubitationem consumptis, quom modo taedio rerum advorsarum omnia bello potiora duceret, interdum secum ipse reputaret, quam gravis casus in servitium ex regno foret, multis magnisque praesidiis nequidquam perditis, de integro bellum sumit. et Romae senatus de provinciis consultus Numidiam Metello decreverat.

63. Per idem tempus Uticae forte G. Mario per hostias dis supplicanti magna atque mirabilia portendi haruspex dixerat; proinde, quae animo agitabat, fretus dis ageret, fortunam quam saepissume experiretur, cuncta prospere eventura. at illum iam antea consulatus ingens cupido exagitabat, ad quem capiundum praeter vetustatem familiae alia omnia abunde erant, industria, probitas, militiae magna scientia, animus belli ingens, domi modicus, lubidinis et divitiarum victor, tantummodo gloriae avidus. sed is natus et per omnem pueritiam Arpini altus, ubi primum aetas militiae patiens fuit, stipendiis faciundis, non Graeca facundia neque urbanis munditiis sese exercuit; ita inter artis bo

fede senza condizioni commetterebbe sè ed il suo reame. Metello incontanente fa venire a sè dalle stanze d'inverno tutti quelli che erano dell'ordine senatorio, e con costoro e con altri che stimava capaci, si stringe a consiglio. Così, secondo l'antica usanza, per decreto del consiglio comanda per ambasciatori a Giugurta di dargli dugentomila libbre di argento, tutti gli elefanti e parte dei cavalli e delle armi: le quali cose senza indugio eseguite, comanda che gli siano menati in catene i disertori. Una gran parte di loro, secondo il comando, gli fu mandata; pochi, appena incominciò la resa, se n'erano fuggiti in Mauritania, appresso re Bocco. Adunque a Giugurta, spoglio che fu di armi, di gente e di danaro, in quello che era chiamato a ricevere la legge in Tisidio, di nuovo incominciò a vacillargli il proposito, e venirgli dalla mala coscienza il timore del fio da pagare. Finalmente, logori molti giorni tra il sì e il no, stanco della nemica fortuna, ora parendogli tutto tornargli meglio che il combattere, ora misurando nell'animo il miserando trabalzo dalla signoria al servaggio, molti e grandi mezzi perduti indarno, da capo si fa alla guerra. In Roma il senato deliberando delle province, quella di Numidia aveva assegnata a Metello.

63. Nello stesso tempo, sagrificando agl’iddii G. Mario in Utica, l'aruspice gli aveva manifestato il presagio di grandi e stupende cose; per il che andasse pure con la mercè degl'iddii a quello che vagheggiava nell'animo; saggiasse pure la fortuna il più sovente che potesse, chè tutto gli tornerebbe bene. Già da gran tempo forte gli martellava dentro l'ambizione del consolato; e, per arrivarvi, salvo l'antichità del casato, aveva copia di ogni altro merito: industria, onestà, grande perizia nelle armi, spiriti audaci nella guerra, temperati in pace, non sopraffatto da piaceri e ricchezze, tutto in agognar gloria. Ma questi, nato, e per tutto il tempo della puerizia educato in Arpino, tosto che

[ocr errors]

nas integrum ingenium brevi adolevit. ergo ubi primum tribunatum militarem a populo petit, plerisque faciem eius ignorantibus, facile notus per omnis tribus declaratur. deinde ab eo magistratu alium post alium sibi peperit, semperque in potestatibus eo modo agitabat, ut ampliore quam gerebat dignus haberetur. tamen is ad id locorum talis vir (nam postea ambitione praeceps datus est) adpetere non audebat. etiamtum alios magistratus plebs, consulatum nobilitas inter se per manus tradebat. novos nemo tam clarus neque tam egregius factis erat, quin is indignus illo honore et quasi pollutus haberetur.

64. Igitur ubi Marius haruspicis dicta eodem intendere videt, quo cupido animi hortabatur, ab Metello petundi gratia missionem rogat. quoi quamquam virtus, gloria atque alia optanda bonis superabant, tamen inerat contemptor animus et superbia, conmune nobilitatis malum. itaque primum conmotus insolita re mirari eius consilium et quasi per amicitiam monere, ne tam prava inciperet neu (tam) super fortunam animum gereret; non omnia omnibus cupiunda esse; debere illi res suas satis placere; postremo caveret id adpetere a populo Romano, quod illi iure negaretur. postquam haec atque alia talia dixit neque animus Mari flectitur, respondit, ubi primum potuisset per negotia publica, facturum sese, quae peteret. ac postea saepius eadem postulanti fertur dixisse, ne festinaret abire; satis mature illum cum filio suo consulatum petiturum. is eo tempore contubernio patris ibidem militabat, annos natus circiter viginti; quae res Marium cum pro honore, quem adfectabat, tum contra Metellum

[ocr errors]

fu in età matura alle armi, non si adusò alla greca eloquenza e alle cittadine mollezze, sì al vivere da soldato: così in poco di tempo tra gli onesti esercizii l'animo suo incorrotto maturò. Adunque, non appena richiese il popolo del tribunato militare, molti, non conoscendolo di veduta, chiarissimo per fama, si ebbe i voti di tutte le tribù. Di questa magistratura si fece poi sgabello a salire man mano alle altre; e sempre si governava nel potere in guisa, da farsi stimare degno di altro più levato di quello che si aveva a mano. Tuttavolta costui, stato fino a quel tempo uomo di tal merito (imperocchè dopo nell'ambizione non ebbe modo), non osava chiedere il consolato. Fino a quel tempo i nobili si tramandavano il consolato tra loro, i popolani le altre magistrature; nè vi era uomo nuovo, il quale, sebbene illustre per nobili imprese, non venisse stimato indegno e quasi contaminatore di quella dignità.

64. Adunque Mario, come vide che le parole dell'aruspice accennavano proprio al segno a cui lo tirava l'ambizione, chiede licenza a Metello di andarsi a porre tra i candidati; il quale, sebbene fosse oltremodo ricco di virtù, di gloria e di ogni altro pregio desiderabile dagli onesti uomini, pure si aveva animo sprezzante ed altiero, vizio comune nel patriziato. Laonde, sorpreso in sulle prime dalla novità della cosa, lo ammonì da amico a non mettersi a cose tanto strane, e non rubare il posto alla fortuna: non dover tutti

agognare a tutto; doversi tener ben contento a quello che aveva; badasse in fine che egli andava a richiedere il romano popolo di cosa che a buon diritto gli si sarebbe negata. Dette che ebbe queste e somiglianti cose, e non si piegando l'animo di Mario, aggiunse che avrebbe fatto il suo piacere, tosto che i pubblici negozi glielo avessero consentito. Ed è fama che, tornando quegli più spesso su la stessa domanda, gli avesse detto, che non precipitasse l'andata ; chiederebbe il consolato nel tempo debito

[ocr errors]

vehementer accenderat. ita cupidine atque ira, pessumis consultoribus, grassari, neque facto ullo neque dicto abstinere, quod modo ambitiosum foret, milites, quibus in hibernis praeerat, laxiore imperio quam antea habere, apud negotiatores, quorum magna multitudo Uticae erat, criminose, simul et magnifice de bello loqui; dimidia pars exercitus si sibi permitteretur, paucis diebus Iugurtham in catenis habiturum ; ab imperatore consulto trahi, quod homo inanis et regiae superbiae imperio nimis gauderet. quae omnia illis eo firmiora videbantur, quod diuturnitate belli res familiaris conruperant et animo cupienti nihil satis festinatur.

65. Erat praeterea in exercitu nostro Numida quidam, nomine Gauda, Mastanabalis filius, Masinissae nepos, quem Micipsa testamento secundum heredem scripserat, morbis confectus et ob eam causam mente paululum inminuta. quoi Metellus petenti more regum ut sellam iuxta poneret, item postea custodiae causa turmam equitum Romanorum, utrumque negaverat, honorem, quod eorum modo foret, quos populus Romanus reges adpellavisset, praesidium, quod contumeliosum in eos foret, si equites Romani satellites Numidae traderentur. hunc Marius anxium adgreditur atque hortatur, ut contumeliarum imperatori cum suo auxilio poenas petat; hominem ob morbos animo parum valido secunda oratione extollit: illum regem, ingentem virum, Masinissae nepotem esse; si Iugurtha captus aut occisus foret, imperium Numidiae sine mora habiturum; id adeo mature posse evenire, si ipse consul ad id bellum missus foret. itaque et illum et equites Romanos, [milites] et negotiatores alios ipse, plerosque

« IndietroContinua »