Immagini della pagina
PDF
ePub
[merged small][ocr errors][ocr errors]

86. Huiuscemodi oratione habita, Marius, postquam plebis animos adrectos videt, propere conmeatu, stipendio, armis aliisque utilibus navis onerat; cum his A. Manlium legatum proficisci iubet. ipse interea milites scribere, non more maiorum, neque ex classibus, sed uti quoiusque lubido erat, capite censos plerosque. id factum alii inopia bonorum, alii per ambitionem consulis memorabant, quod ab eo genere celebratus auctusque erat, et homini potentiam quaerenti egentissumus quisque oportunissimus, quoi neque sua curae, quippe quae nulla sunt, et omnia cum pretio honesta videntur. igitur Marius cum aliquanto maiore numero, quam decretum erat, in Africam profectus paucis diebus Uticam advehitur. exercitus ei traditur a P. Rutilio legato ; nam Metellus conspectum Mari fugerat, ne videret ea, quae audita animus tolerare nequiverat.

.

87. Sed consul expletis legionibus cohortibusque auxiliariis in agrum fertilem et praeda onustum proficiscitur; omnia ibi capta militibus donat, dein castella et oppida natura et viris parum munita adgreditur; proelia multa, ceterum levia, alia aliis locis facere. interim novi milites sine metu pugnae adesse, videre fugientis capi aut occidi, fortissumum quemque tutissumum, armis

uno sarà il governo che fard di voi e di me stesso. E per fermo, la mercè degl'Iddii, vittoria, bottino, gloria, tutto è in punto; le quali cose avvegnachè fossero incerte e lontane, pure è debito di ogni onesto uomo soccorrere allo stato. Imperocchè nissuno con le mani alla cintola salì all' immortalità; nè v’ebbe padre che desiderasse ai figliuoli il non morire mai, più che il vivere da probi ed onesti uomini. Andrei più in là, se le paroie, o Romani, accrescessero gli spiriti ai pusillanimi, stimando che pei generosi io abbia detto abbastanza. »

86. Fornita questa diceria, Mario, chiaritosi dei concitati spiriti della plebe, in fretta imbarca le vettovaglie, il danaro del soldo, le armi e tutto il necessario, e con questo avvia il suo luogotenente Aulo Manlio. Egli intanto leva soldati non secondo l'antica usanza, nè stando agli ordini cittadini, ma a capriccio di ciascuno, i più, proletari. Alcuni ricordavano come cid fosse avvenuto per difetto di buona gente, altri per ambizione del console; perchè da quella razza d'uomini era stato messo in gran fama e potenza; e ad uomo che va in procaccio di questa, chi meno ha, più va a taglio, come colui che non ha pensiero di roba propria, non avendone briciolo; e quanto gli torna a pro, tien per onesto. Adunque Mario con gente poco più numerosa dell'ordinato, mosse per l'Africa, e in pochi dì approda ad Utica. Gli è trasmesso il comando dell'esercito dal luogotenente P. Rutilio, imperocchè Metello erasi sottratto alla faccia di Mario a non vedere quello che, udito, l'animo suo non aveva saputo portare.

87. Ma il console, rifornite le legioni e le coorti ausiliarie, entra in un paese grasso da farvi buona preda: tutto il predato colà lascia in mano dei soldati; poi assale tutte le rocche e le terre poco difese per natura e gente: si mette a combattere qua e là svariate avvisaglie, ma di poco momento. Intanto i soldati di fresco levati si tenevano intrepidi nella mischia ; vedevano che

libertatem, patriam parentesque et alia omnia tegi, gloriam atque divitias quaeri. sic brevi spatio novi veteresque coaluere, et virtus omnium aequalis facta. at reges, ubi de adventu Mari cognoverunt, divorsi in locos difficilis abeunt. ita Iugurthae placuerat speranti mox effusos hostis invadi posse, Romanos sicuti plerosque remoto metu laxius licentiusque futuros.

88. Metellus interea Romam profectus contra spem suam laetissumis animis excipitur, plebi patribusque, postquam invidia decesserat, iuxta carus. sed Marius inpigre prudenterque suorum et hostium res pariter adtendere, cognoscere quid boni utrisque ant contra esset, explorare itinera regum, consilia et insidias eorum antevenire, nihil apud se remissum neque apud illos tutum pati. itaque et Gaetulos et Iugurtham ex sociis nostris praedas agentis saepe adgressus in itinere fuderat, ipsumque regem haud procul ab oppido Cirta armis exuerat. quae postquam gloriosa modo neque belli patrandi cognovit, statuit urbis, quae viris aut loco pro hostibus et advorsum se oportunissumae erant, singulas circumvenire ; ita Iugurtham aut praesidiis nudatum, si ea pateretur, aut proelio certaturum. nam Bocchus ad eum nuntios saepe miserat, velle populi Romani amicitiam; ne quid ab se hostile timeret. id simulaveritne, quo inprovisus gravior accideret, an mobilitate ingeni pacem atque bellum mutare solitus, parum exploratum est.

89. Sed consul, uti statuerat, oppida castellaque munita adire,

chi fuggiva era preso od ucciso: che i più valorosi erano i più sicuri: e che con le armi si propugna libertà, patria, parenti, ed ogni cosa, o procacciasi gloria e tesoro. Così in poco di tempo novizii e veterani furono tutti una cosa, e tutti vennero pareggiati nel valore. Ma, come i re seppero dell'arrivo di Mario, si partono l'un dall'altro per paesi poco accessibili. Questo era stato l'avviso di Giugurta, che sperava potesse tosto dare addosso al nemico

sparpagliato, e che i Romani, come i più fanno, rassicurati, sarebbero per tenersi più alla spensierata e con più lenta disciplina.

88. Intanto Metello, venuto in Roma, contro quel che s'aspettava, è accolto, svaporati gli odii, con grandissima festa, in egual grazia appo il senato e la plebe. Ma Mario con sollecito e cauto animo era dentro alle cose de' suoi e del nemico; faceva di scovrire quel che si fosse propizio o contrario a sè ed a loro; di spiare le mosse dei re, di guastare i disegni e le insidie di loro; di non concedere a sè stesso riposo, nè ora di quiete a quelli. Laonde spesso, via facendo, dato in su le mani ai Getuli ed a Giugurta, che predavano in quel de' nostri alleati, li aveva dispersi, ed allo stesso re poco lungi da Cirta aveva fatto lasciare le armi. Le quali fazioni, veduto che fruttavano solamente gloria, e non facevano conchiudere la guerra, si mise al fermo di porre assedio ad ogni città che per guarnigione e per postura fossero molto utili al nemico ed incomode a sè stesso, facendo ragione, che o Giugurta avrebbe perdute le 'fortezze, se lo avesse lasciato fare, o sarebbe venuto a giornata. Imperocchè Bocco gli aveva mandato dicendo per frequenti messaggi, bramare l'amicizia del romano popolo; che non s'aspettasse da lui male di sorta. Non si sa bene se s'infingesse per venirgli addosso tanto più terribile, quanto più inaspettato, o per volubilità di animo uso a volgersi ora a guerra, ora a pace.

89. Ma il console, secondo il fermato, si accostd alle torri ed

partim vi, alia metu aut praemia ostentando avortere ab hostibus. ac primo mediocria gerebat, existumans Iugurtham ob suos tutandos in manus venturum. sed ubi illum procul abesse et aliis negotiis intentum accepit, maiora et magis aspera adgredi tempus visum est. erat inter ingentis solitudines oppidum magnum atque valens, nomine Capsa, quoius conditor Hercules Libys memorabatur. eius cives apud Iugurtham inmunes, levi imperio et ob ea fidelissumi habebantur, muniti advorsum hostis non moenibus modo et armis atque viris, verum etiam multo magis locorum asperitate. nam praeter oppido propinqua alia omnia vasta, inculta, egentia aquae, infesta serpentibus, quorum vis sicuti omnium ferarum inopia cibi acrior; ad hoc natura serpentium ipsa perniciosa siti magis quam alia re accenditur. eius potiundi Marium maxuma cupido invaserat, quom propter usum belli, tum quia res aspera videbatur, et Metellus oppidum Thalam magna gloria ceperat, haud dissimiliter situm munitumque, nisi quod apud Thalam non longe a moenibus aliquot fontes erant, Capsenses una modo atque ea intra oppidum iugi aqua, cetera pluvia utebantur. id ibique et in omni Africa, quae procul a mari incultius agebat, eo facilius tolerabatur, quia Numidae plerumque lacte et ferina carne vescebantur et neque salem neque alia inritamenta gulae quaerebant; cibus illis advorsum famem atque sitim, non lubidini neque luxuriae erat.

90. Igitur consul omnibus exploratis, credo dis fretus (nam contra tantas difficultates consilio satis providere non poterat, quippe etiam frumenti inopia temptabatur, quia Numidae pabulo

« IndietroContinua »