Immagini della pagina
PDF
ePub

que praecisum. vineae cum ingenti pericolo frustra agebantur; nam quom eae paulo processerant, igni aut lapidibus conrumpebantur, milites neque pro opere consistere propter iniquitatem loci, neque inter vineas sine periculo administrare; optumus quisque cadere aut sauciari, ceteris metus augeri.

93. At Marius, multis diebus et laboribus consumptis, anxius trahere cum animo suo, omitteretne inceptum, quoniam frustra erat, an fortunam obperiretur, qua saepe prospere usus fuerat. quae quom multos dies noctisque aestuans agitaret, forte quidam Ligus, ex cohortibus auxiliariis miles gregarius, castris aquatum egressus, haud procul ab latere castelli, quod advorsum proeliantibus erat, animum advortit inter saxa repentis cocleas; quarum quom unam atque alteram, dein plures peteret, studio legundi paulatim prope ad summum montis egressus est. ubi postquam solitudinem intellexit, more humani ingeni cupido difficilia faciundi animum vortit. et forte in eo loco grandis ilex coaluerat inter saxa, paulun modo prona, deinde inflexa atque aucta in altitudinem, quo cuncta gignentium natura fert; quoius ramis modo, deinde eminentibus saxis nisus Ligus in castelli planitiem pervenit, quod cuncti Numidae intenti proeliantibus aderant. exploratis omnibus, quae mox usui fore ducebat, eadem regreditur, non temere, uti adscenderat, sed temptans omnia et circumspiciens. itaque Marium propere adit, acta edocet, hortatur, ab ea parte, qua ipse adscenderat, castellum temptet; pollicetur sese itineris periculique ducem. Marius cum Ligure promissa eius cognitum ex praesentibus misit; quorum uti quoiusque ingenium erat, ita

fornito a dovizia di gente, di armi, di gran copia di vettovaglie, e d'una fonte d'acqua viva; il luogo non era fatto a sostenere terrapieni, torri ed altre macchine: il sentiero che tenevano quei della terra, oltremodo angusto, con un precipizio a manca ed a destra: le vigne con grave risico senza pro si accostavano, perchè, come si facevano un poco innanzi, coi sassi o col fuoco erano conquassate: nè i soldati si tenevano in piedi ai lavori per la scabrosità del suolo, nè potevano senza danno fare il loro ufficio entro le vigne: il fior dell'esercito era morto e ferito, i rimanenti vieppiù costernati.

93. Ma Mario, consumati molti dì e fatiche, angoscioso ravvolgeva nell'animo se dovesse togliersi dall'impresa, perchè non approdava, o aspettare la fortuna, che spesso aveva sperimentata benigna. Alle quali cose ripensando affannoso dì e notte, per caso certo Ligure, gregario delle coorti ausiliarie, uscito fuori dagli alloggiamenti per acqua, non molto lungi dal lato del castello, che era opposto ai combattenti, pose mente a certe lumache striscianti tra i sassi. Raccogliendone una, due, poi molte, per vaghezza di raccoglierne altre, un passo dopo l'altro, andò a riuscire quasi alla vetta del monte. Dove, vedutosi solo, com'è usanza dell'umano talento, si mise in mente fare qualche cosa di difficile e scabroso. E per caso era cresciuto in quel luogo tra i sassi un grande leccio, un po' piegato ai piedi, poi dritto e sospinto in alto, dove la natura mena tutto ciò che nasce di terra. Ora ai rami di quello, ora alle irte balze afferrandosi il Ligure, giunse alla spianata della rocca, in quello che i Numidi erano tutti volti ai combattenti. Presa notizia di quanto parevagli tornasse poi all'uopo, rifà lo stesso cammino, non alla sbadata, com'era salito, ma con le mani e con gli occhi a tutto. Sicchè va presto a trovar Mario, gli fa sapere l'operato, lo consiglia di tentare la rocca da quella banda per la quale egli era salito: si proferisce duce

rem difficilem aut facilem nuntiavere. consulis animus tamen paulum adrectus est. itaque ex copia tubicinum et cornicinum numero quinque quam velocissumos delegit, et cum his, praesidio qui forent, quattuor centuriones, omnisque Liguri parere iubet, et ei negotio proxumum diem constituit.

94. Sed ubi ex praecepto tempus visum, paratis conpositisque omnibus ad locum pergit. ceterum illi, qui centuriis praeerant, praedocti ab duce, arma ornatumque mutaverant, capite atque pedibus nudis, uti prospectus nisusque per saxa facilius foret; super terga gladii et scuta, verum ea Numidica ex coriis, ponderis gratia simul et offensa quo levius streperent. igitur praegrediens Ligus saxa, et si quae vetustate radices eminebant, laqueis vinciebat, quibus adlevati milites facilius escenderent, interdum timidos insolentia itineris levare manu, ubi paulo asperior adscensus erat, singulos prae se inermos mittere, deinde ipse cum illorum armis sequi, quae dubia nisui videbantur, potissumus temptare, ac saepius eadem adscendens descendensque, dein statim digrediens, ceteris audaciam addere. igitur diu multumque fatigati tandem in castellum perveniunt, desertum ab ea parte, quod omnes sicuti aliis diebus advorsum hostis aderant. Marius, ubi ex nuntiis, quae Ligus egerat, cognovit, quamquam toto die intentos proelio Numidas habuerat, tum vero cohortatus milites et ipse extra vineas egressus, testudine acta succedere et simul hostem tormentis sagittariisque et funditoribus eminus terrere. at Numidae saepe antea vineis Romanorum subvorsis, item incensis, non castelli moenibus sese tutabantur; sed pro muro dies noctisque agitare, maledicere Romanis ac Mario vecordiam obiectare; militibus nostris Iugurthae servitium minari, secundis rebus fe

dell'andata e della prova. Mario spedì il Ligure con alcuni dei circostanti a veder chiaro nella costui promessa, dei quali, secondo il proprio talento, chi la dava per facile, chi per difficile; tuttavia l'animo del console si levò un poco a speranza. Perciò scelse cinque de' più spediti del corpo dei suonatori di trombe e corni. e in loro compagnia un drappello di soldati e quattro centurioni a dar loro di spalla: comanda che tutti stieno ai cenni del Ligure, e gli pone il dì appresso per l'impresa.

94. Intanto, come parve giunta l'ora assegnata, ordinato e messo in punto il tutto, vassene al luogo. Ma i preposti alle centurie, consigliati dalla guida, avevano mutate armi e vesti: scoverto il

саро e scalzi, a fare più agevole la vista e l'appicco alle balze; agli omeri avevano appese le spade e gli scudi; ma questi di cuoi alla Numida, e per averli più lievi e, perchè, ove fossero percossi, dessero suono più sordo. Adunque, andando il Ligure innanzi, incappiava scogli e quante vi aveva di radici sporte per vecchiezza, da cui sollevati i soldati, s’avessero più agevole il salire. Spesso sorreggeva con la mano gli smarriti dalla stranezza del cammino : là dove era un po' più scabra la salita, se li cacciava l'un dopo l'altro innanzi senz'armi; poi egli stesso appresso con le armi: là dove parevano mal sicuri i sassi, avanti a tutti li saggiava, e più e più volte su e giù per lo stesso passo; poi subito, ponendosi da canto, inanimava gli altri. Adunque, molto lungamente travagliatisi, finalmente giungono al castello, da quella banda deserto; perchè tutti, come negli altri dì, stavano intenti al nemico. Mario, risaputo per messo l'operato del Ligure, benchè avesse tenuto tutto il dì occupati i Numidi a combattere, in quel punto rincorati i soldati, egli stesso venne fuori delle vigne: fatta la testuggine, si accostd alle mura, e con baliste, archi e frombole da lungi spaventava il nemico. Ma i Numidi, che spesso per l'innanzi avevano conquassate e bruciate le vigne de Romani, non si schermivano

rem difficilem aut facilem nuntiavere. consulis animus tamen paulum adrectus est. itaque ex copia tubicinum et cornicinum numero quinque quam velocissumos delegit, et cum his, praesidio qui forent, quattuor centuriones, omnisque Liguri parere iubet, et ei negotio proxumum diem constituit.

94. Sed ubi ex praecepto tempus visum, paratis conpositisq omnibus ad locum pergit. ceterum illi, qui centuriis praeera praedocti ab duce, arma ornatumque mutaverant, capite at pedibus nudis, uti prospectus nisusque per saxa facilius fo super terga gladii et scuta, verum ea Numidica ex coriis, po ris gratia simul et offensa quo levius streperent. igitur pra: diens Ligus saxa, et si quae vetustate radices eminebant, la vinciebat, quibus adlevati milites facilius escenderent, inte timidos insolentia itineris levare manu, ubi paulo asperi scensus erat, singulos prae se inermos mittere, deinde ipso illorum armis sequi, quae dubia nisui videbantur, potis temptare, ac saepius eadem adscendens descendensque, dein digrediens, ceteris audaciam addere. igitur diu multumą gati tandem in castellum perveniunt, desertum ab ea par omnes sicuti aliis diebus advorsum hostis aderant. Ma ex nuntiis, quae Ligus egerat, cognovit, quamquam tot tentos proelio Numidas habuerat, tum vero cohortatus ipse extra vineas egressus, testudine acta succedere et stem tormentis sagittariisque et funditoribus eminus Numidae saepe antea vineis Romanorum subvorsis, it

! non castelli moenibus sese tutabantur; sed pro muro « que agitare, maledicere Romanis ac Mario vecordian militibus nostris Iugurthae servitium minari, secuni

[ocr errors]
« IndietroContinua »