Memorie della rivoluzione siciliana dell'anno MDCCCXLVIII: pubblicate nel gennaio di esso anno, Volume 2

Copertina anteriore
Tip. cooperative fra gli operai, 1898
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 22 - Perigli siete giunti all' occidente A questa tanto picciola vigilia De' vostri sensi, ch' è del rimanente Non vogliate negar l' esperienza, Diretro al sol, del mondo senza gente. Considerate la vostra semenza : Fatti non foste a viver come bruti, Ma per seguir virtute e conoscenza.
Pagina 42 - Colleghi a convenire ai 15 giugno in Cosenza, onde riprendere le deliberazioni interrotte in Napoli dalla forza brutale, e per sotto l'egida dell'Assemblea nazionale i sacri diritti del Popolo Napolitano » . e Mandatili-i della Nazione, chiamiamo intorno a noi, invochiamo a sostegno della libertà nazionale la fede e lo zelo delle milizie civili , le quali nel sostenere in modo efficace la santa causa, a tutelare la quale siamo stati sforzati a ricorrere alla suprema ragione delle armi, sapran mantenere...
Pagina 372 - Sicilia come in allodii, conservando però nelle rispettive famiglie l'ordine di successione, che attualmente si gode. Cesseranno ancora le giurisdizioni baronali; e quindi i baroni saranno esenti da tutti i pesi, a cui finora sono stati soggetti per tali diritti feudali.
Pagina 50 - NS non potea fare a questa parte dei suoi Reali Dominii un dono più caro di quello che lo fa nel diletto Figlio Suo, stabilendo quelle leggi che più converranno al benessere della Sicilia, e che assicureranno la pace, il progresso e la fortuna avvenire di questa terra. Il Re, che è fonte di clemenza inesauribile, scioglie i ceppi dei Siciliani prigionieri, e li ritorna, salve poche eccezioni dei Capi, alle loro desolate famiglie, che han pianto gli effetti dell'altrui aberrazione funesta e lagrimevole.
Pagina 434 - Il potere esecutivo si appartiene esclusivamente al Re. La sua persona è sacra ed inviolabile. 7. Il Re rappresenta la nazione presso le Potenze estere. Egli ha il diritto di far la guerra o la pace, e di proporre o conchiudere qualsivoglia trattato di pace, di alleanza e di commercio colle Potenze estere.
Pagina 1 - Ma da lei nacquero i giureconsulti, generazion d'uomini nuova ammirabile; intrepidi incorrotti liberi sotto mostruosa tirannide; dotti e sapienti in molta ignoranza universale; virtuosi e magnanimi in popolo abbietto e corrottissimo; conservando in tanta corruzione di monarchia il puro linguaggio ei costumi dei Quiriti liberi ; scrivendo con sobrietà e schiettezza greca; pieni di sapienza morale e civile; con diritto e fermo raziocinio, con proprietà esattissima...
Pagina 50 - ... venuto il suo santissimo petto, sede di tutte le più generose e magnanime virtù, nel disegno di far paghi gli antichi voti dei Siciliani, dando loro per Suo rappresentante la gemma più cara della sua Corona, il suo FIGLIUOLO primogenito, erede di questo regno beato delle due Sicilie. Parlare qui dei meriti di quest' Angelo sarebbe fuor di luogo, non essendovi angolo nei nostri paesi ove non risuonino splendide le eminenti sue virtù.
Pagina 27 - Fortezze, che si è aperta tra i nostri una scuola pratica di artiglieria e che a tutti i combattimenti non sono mancati né gli uomini né i materiali di guerra. Gli Arsenali di Palermo accresceranno questi ultimi, secondo che lo richiedesse il bisogno.
Pagina 35 - Dopo mature riflessioni ed accurata analisi de' vostri bisogni e de' voti che possono con equità utilmente e praticamente soddisfarsi, ritenendo come non avvenuti e nulli di diritto e di fatto tutti gli atti i quali hanno avuto luogo in Sicilia dal 12 gennaio 1848 in poi, concediamo alla stessa uno Statuto di cui è base la Costituzione del 1812, salvo le modificazioni richieste dalle mutate condizioni e dalla vigente legislazione.
Pagina 32 - ... costituzione che loro tennero dietro, hanno rotto ogni patto fra il principe ed il popolo. E però noi, vostri rappresentanti, fattici capi al movimento delle Calabrie , afforzati dallo spontaneo soccorso dei nostri generosi fratelli della Sicilia, incuorati dall'unanime grido...

Informazioni bibliografiche