Immagini della pagina
PDF
ePub

p. 242, l. 25, agg.: C. 51, 25

« at enim ». p. 244, l. 30, agg.: G. 4, 7 his

moribus » = « cum tam pravi sint nostri moras » (cfr. Cic.,

pro Quint. 13, 59. p. 246, l. 31, dopo mensas »);

agg. : ibid. « binas aut amplius domos continuare », cioè « costruire in continuazione, l' una dopo l'altra, di seguito, senza

interruzione ». ibid., 1. 35, dopo datus sit »; agg.:

13, 9 « dare senatum »=« concedere l'ingresso nel Senato perchè uno possa discutervila propria

causa ».

culo administrare » (sogg. mi

lites; cfr. G. 76, 4 administri). p. 173, 1. 33, dopo notevoli agg.:

(così « constituere », G. 66, 2; « inpetrare » (= ottenere ascolto), G. 14, 7 « nuntiare »

(= dare notizie), G. 28, 3. p. 185, 1. 14 ειρεημένον, corr. ειρη.

μένον. . p. 188, 1. 32, είπoιμι, corr. είπoιμι. p. 214, 1. 13, quaesitnm corr., quae

situm. p. 231, l. 3, dopo accire »; agg.:

97, 3 « rati noctem victis sibi munimento (dat.) fore et si vicissent nullo inpedimento (abl.

di qual.) ». p. 232, l. 26, agg.: H. III, 48,

17 « non arma neque secessionem, tantummodo ne amplius sanguinem vostrum praebeatis

censeo ». p. 234, n. 2, 1. 1, dopo parum »;

38;

p. 249, fra le l. 13 e 14, agg. : « dono dare », G. 5, 4; 85,

H. I, 55, 17; II, 47, 5; 12 ; III, 48, 27. « apud a

nimum » (v. pag. 158, apud). p. 251, l. 7, agg. : C. 54, 2 « be

neficiis ac munificentia »(?); G.92, 5 « (mons) omnis a natura velut

opere atque consulto praeceps ». p. 252, l. 17, agg. : G. 87, 1

« agrum praeda onustum abundantem) » ; G. 4,9 « verum ego liberius altiusque processi »; 11, 7 « quod verbum in pectus Jugurthae altius... descendit », metafora tolta dal linguaggio

agg. : 9, 3 « audacia in belló

ubi pax evenerat aequitate ». ibid., ibid., l. 9, dopo inplores >;

agg.: 54, 2; p. 235, nota, 1. 10, prima di 76,

inserisci : 67, 1 « arce oppidi... praesidium hostium, portae ante

clausae fuga prohibebant »; ibid., ibid., 1. 12, dopo habent »;

agg.: 83, 1 « alienam rem periculo suo curare » ; 85, 14 « contemnunt novitatem meam, ego illorum ignaviam »: (ma ibid. « mihi fortuna, illis probra obiectantur » (ordine anaforico).

marinaresco. ibid., l. 21, agg. : domare (v. add.

a pag. 68). p. 253, 1. 15, dopo confessique »;

agg.: C. 54, 4 «dono dignum >>

[ocr errors][ocr errors]

A.

-

[ocr errors]

a non affievolita nei composti, 22.
a, (sost. in), 35.
a, ab (usi notevoli di questa preposi.

zione : terrere a, a con noini di
cosa in senso causale, a coll’abl. di
Domi di cillà, a per ex), 156; nel
senso di « da parte di », addenda

a pag. 156.
Abbreviazione e fusione di più propo.

sizioni, 241.
abdicare magistratum, 128.
Ablativo: — abi. separativo coi verba di-

scessionis, 146; coi verbi ed aggellivi
inopiae, 148; coi verba nascendi,
149; abl. di origine senza verbo,
119; abl. causale, 149; abl. deno-
tante intervallo di tempo, 150; abl.
di paragone, 151; abl. strumen-
tale sociativo o comitativo di qualità,
151; abl. per esprimere il tempo
continuato, 151; abl. col v. mutare,
152; abl. strumentale propr. dello,
di causa, 152; abl. strum. coi verba
copiae, 152 ; abl. di modo, 153; di
misura col v. procedere, 153; abl.
limitationis, 153; abl. localivo
dei nomi propri, 154; dei n. comuni,
155; abl. di tempo, 156; — abl. del
parlic. pl., con e senza preposizione,
adoperato come attribulo, 207; abl.
del partic. pl. adoperato come com-

plemento con opus est, 207; - abl.
assoluto, 208-210; (brachilogia) 244;

abl. del gerundio accompagnato
da preposizioni, 212; abl. di ma-
niera sostituito all'accus. etimologico,

132.
abnuere de, 174.
absolvere de, 173.
abstinere coll’abl., 147.
Abundantia, 27.
abunde esse, 78.
acceptio, 38.
accersere p. arcersere, 22.
accidere di persone

< venire ad-
dosso » 171.
accipere de, 173.
Accusativo: accus. greco della la de-

clin., 23; accus. plur. in -is della 3a de-
clin., 24; l'accus. plur. ris per vires,
24; accus. greci in -en, 27; accus.
con alcuni verbi composti che la sin-
tassi classica costruisce altrimenti,
126; accus. con altri verbi, 128 ;
accus. coi v.. deponenti fruor, po-
tior, vescor, 129; a. coi verbi in-
transitivi esprimenti un sentimento
dell'animo, 129; a. con alcuni verbi
semplici di movimento per lo più
intransitivi, 130; accus. esclamativo,
130; accus. cogli aggellivi in -bun-
dus, 130; accus. di relazione, 130;
accus, assoluto o avverbiale di cetera
ed aliu, ed altri accus. assoluti, 131;
accus. dell'aggett. neutro usato av-
verbialmente, 131; accus. dell'oggetto
interno, 131; doppio accus. coi v.
testari, adfligere, e advortere, 132;
complementi accus. determinati con v.
che classicamente dono l'abl. col de
o un accus, di pronome neutro, 133;
accus. di direzione senza la preposi-
zione, 133; accus. con propior e
proxumus, 133. Accus coll’in-
linito, 203.

Accus. dopo un ge-
rundio, 211; accus. gerundivo dopo

i v. di volontà, 213.
acie per aciei, 26.
acta, partic. ntr. plur. sostantivato,

111, nota 1.
actiones plur. astr., 92.
actuarius, 47.
ad (verbi comp. con), 59.
ad, con nomi di città, 157; ad « in
braccio a », 158; ad hoc

« inol-
tre », ad postremum = postremo,...
414; ad id locorum ad id

tempus, 135; ad col gerundio, 211...
adcedere coll'accusativo, 126; col dit.,

addenda a pag. 141.
adeo, 166.
adeptus con significato passivo, 177.
adesse con senso di minaccia, di osti-

lità, 66; col dat., 141.
adfectare

a tirare a sé », 59.
adflictare, 58.
adfligere, 66 (significato): 132 (costru-

coll'accus.,

•zione cou due accus.).
ad Jovis, 238.
administrare usato assolutamente, ad-

denda a pag. 171.
admonere con doppio accus., 132.
adniti usato assolutamente, 172.
adnuere (= approvare, accellare) col

dat., 142.
adolesco detto della Repubblica (ineta-

fora), 252.
adoptatio in luogo di adoptio, 33.
adpellare, 66.
adrigere, 59.
adsidere e adsidêre coll'accus., 126.
adsurgere coll' abl., 146.
adtendere, addenda a pag. 126.
odtcrere, 59.
adtinere, 59 e 66.
adulescentior, 28.
advecticius, 49.
advenire (= contingere), 66.
adventare, 58.
advolvi coll'accus., 126: con signilicato

riflessivo = se advolvere, 171.
advorsa certaminis, 134.

advorsus sostantivato, 105; col genit.,

137.
advorsum per contra, 158; advor.

sum collocato dopo la parola ch'esso
regge, 165; advorsum brachilogico,

246.
advortere animum(=animadvortere)

132.
aeger consili (= irresoluto), 137; col.

l’abl. caus., 150.
aequabilis, 47.
aerumna, 35: aerumnae, 97 nota.
aestiva, 238.
aevum, 38.
agere transvorsos, (homines :

« fuorviare »), 72.
agere usato assolutamente (= vivere,

esse, se gerere), 171.
Aggetlivo: flessione (uoppie forme

comparativi e superlativi notevoli),
27. derivazione: agg. in .bilis,
46; in -bundus, aris, -arius, 47;
in -orius, -osus, 48; in .eus, -icius,
-ndus, us, 49; participi-aggettivi,
50; agy. composti, 1° con prep. 0
particelle, 51; 2° con per, prae-,
52; 3o con semi-, 52: signific
calo, 52:

sintassi : ipallage del-
l' aggeltivo, 103; ags. avverbiale,
103; gli agg. medius, primus, er-
tremus, postremus, summus, 104;
agg. in luogo di un genil. oggettivo,
uddenda a pag. 103; ags. e partic.
usati sostantivamente, 37, 105-115 ;
collocazione dell’ags., 115; agg. pos.

sessivo, 123.
agitare, 56 (signisicato); usato assolu-

tamente (= se gerere), 172.
agnoturus, 30.
alere, con l’abl. strum. e loc., 152.
algor, 35.
alienus usato assolutamente, 52; col

genit., 136 nota.
aliquantus usato come aggettivo, 49.
aliquis, 117.
alius per alter, 116; alii per reliqui

o ceteri, 116; alius... alius..., alii...
pars (partim)... e viceversa in appo-

sizione, 87 e 88.
Alliterazione, 252.
alter... alter..., 88.
amare, 66 (significato); solere,

consuevisse, coll'infinito, 200.
ambitio, 38, 246.
amicitiae plur. astr., 92.
amittere, 66.
amplerari, 57.
amplius, 166.

[ocr errors]
[ocr errors]

an nella coordinazione disgiuntiva per

aut, sive, 223; an nell'interrogazione
indiretta semplice per num 0 ne,
227; an dopo un' gazione di
carattere generale, col valore di num
in una serie di prop. interrog , 227;
an nella doppia interr. preceduto

o non da ne, utrum, 228.
Anacoluto, 205 (nula), 232, 248.
Anafora, 236, no!a, in tine.
Anastrofe, 165.
ancilla usato come aşgelt., 102.
angustia, 36; 89; angustiae, 98.
animi plur. accrescitivo, 92; animi

genit. con sostantivi, 136 e 249; (ma
animo, abl. limit. 153); con aggelt.,

137.
animos tollere p. animos erigere,

72; cum animo habere, reputare,
trahere, volvere, 159; animum
advortere v. adrortere; animus su-
bigit (= in animo est) coll'infin.,

202.
ante in senso metaforico, 158.
antecapcre nel senso del Ciceroniano

praevertere., 59.
antevenire, 59.
antiquitas, 38.
anxius animi, 137; a. ne, 195; a

Collabl. causale, 150.
aperire, 66.
Apposizione, 87; a, riferentesi all'idea

espressa da un'intera proposizione,
87; a. cnumerativa o distributiva

(quisque, alius. . aliis, ecc.), 87.
apud (per ad), 158: a. animum, ibid.
aquae, 90.
aquatum supino, 214.
arde, 91.
arare con un oggetto interno pronomi-

nale, 132.
arbor sgl. collell., per arbores, 89.
Arcaismo: giudizî degli antichi inlorno

all’A. di Sallustio, 8; limiti dill’A.
specialmente in relazione col Volga-
rism'), 9; ragioni dell’A, 15. Ar-

caismi, passim.
ardere coll'infinito, 200.
ardores, 92 ; 98 (= la zona torrid:1).
arcessere, v. accersere.
arguiturus, 30.
·aris, arius (agg. in), 47.
artes, 39; 92
-as (sost. in), 37.
Asindelo, 215 (Bey); 217; 243, 244.
asperitas, 39 : asperitates, 92, 98.
Astralli: il plurale degli astratli, 91;

astratti in senso concreto, 98 ; per-

sonificazione per mezzo dell'astratto,
101; astratto per designare qualità che

si vuole mettere in rilievo, 101.
astutiae, 92.
at come semplice particella di transi.

zione, 223.
atque esplicativa (= ed infatli) 215;

a. intensiva (= anzi, perfino), 218;
atque non solum sed etiam
(gradazione e spesso sinonimia), 218;
atque ailoperata per unire concelli
opposi, 218; per unire l'effello alla
causa o viceversa, 218; arma atque
iela (= tolam armaturam), 218;
atque avversariva, restrittiva (=
altamen), 219: atque - et, et - atque,

220.
atrox animi, 137.
Altrazione o assimilazione, 83 e segg.;

attrazione nell'uso dei modi, 198,

14.
Attribulo: uso attributivo di un sostan.

tivo, 79; avverbi od espressioni av-
verbiali in funzione di attributi, 80;

ellissi dell'a., 241.
audito partic. ntr. abl. assol., 209.
augere con senso riflessivo (?), 170:
auctum supino, 214.

206.
aut deminutivum 222; aut collegante

due idee congeneri in una prop. ne-

galiva, 223.
auxilia, 92, 98.
auxiliarius, 47.
avalide esse (?), 78.
avidus col genit. del gerundivo, 139.
avius, 49.
avorsari coll'accus , 226.
avorsus col dat., 141.
avunculus col dat., add. a pag. 140.
Avverbi: loro derivazione, a. in l,

in tim, 71; a. varii, 75: sin-
lassi, avv. usati predicativamente col
verbo esse, 78; avv. o frasi avver-
biali in funzione di complementi di :
relli, 79; avv. determinanti un verbo
usato assolutamenle, 79; avv. od
espressioni avverbiali con sostantivi,
in funzione di aggelliyi altributivi,
80; uso degli avverbi, 165 e segg.;
avv. di luogo adoperati in vece di
pronomi preceduti da preposizioni,
169. Avverbio alternato con un
nome o con un participio come com-

plemenli, a scopo di varietà, 232.
Avversative (particelle) 223 ; neque

avversativo, 219.

ausus,

= in

[ocr errors]

cetera accus. avverbiale, 131.
B.

ceterum sed, 166, 223;

realtà, ibid.

ceterus nel sgl., 117.
Bacchanaliorum per Bacchanalium, Chiasmo, 234, nota 2.
23.

circum esse, 78.
belli locativo, 154; bello e in bello, circumgredi, 59; coll' accus., 126.
156, lota.

circumlavere, 59.
benefacere, 63.

circumspectare. 58.
benefactum, 38.

cis temporale, 158.
-bilis (agg. in), 46: costr.coll'accus. 130. civitas, 39.
Bibliografia, 8.

civitatium, 24.
Brevila, 236-218: giudizî degli antichi claritudo, 37.

sulla brevità sallustiana, 236; in che clemens (= non nimius), 53 e 252.
essa consista e onde derivi, 237; coalescere, 58.
brevità grammaticale (ellissi-contra- coepi con un infinito passivo, invece
zione di proposizioni-asindeti), 238- di coeptus sum, 174.
244; brevità psicologica (ablativi as- coercitum coercibilis, 206.
soluti, uso delle preposizioni, brachi- cogere con ut e il cong., 194.
logie, costruzione pregnante, zeugma, cognitum supino, 214.
anacoluti, ecc.), 244-248.

cognomentum, 33.
-bundus (agg. in), 47.

cogundus, 30.
colere (= habere), 67.

Collettivi: singolare dei sostantivi con-
C.

creti in senso collettivo, 89; plurale
di alcuni nomi collettivi pel sgl., 90;

astratti sgl. collettivi, 101; plurale
caedes, plur. astr., 97 (nota).

del verbo coi soggetti collettivi sin-
caelo terraque, abl. locale senza in, golari, 80; concordanza a senso dei
155.

pron. relat. e din, coi collettivi sgl., 85.
calores plur. astr., 93.

collocatio verborum, 254 (v. anche
calvi (= decipi), 176.

123, 136, 165).
canere usato assolutamente, 172. colos, 24.
capere p. accipere, 64.

coloniae, 93.
captare, 58.

comitatus plur., astr., 93.
carptim, 74.

commeatus, 90.
castris (milites habere, hiemen age- Comparativi nuovi, 27.
re), abl. loc. senza in, 155.

comparativa (coordinazione), 222; c.
casus, 39; plur. astr., 97.

(subordinazione), 227.
catabathmon accus. greco, 23.

competere, 60.
cataphractus, 50.

complemento (varietà di), 230.
catena sgl. per pl., 89.

complere coll’abl. strum., 152.
catervatim, 74.

componere (= comparare), 67.
Catone (imitazione di), 13-15; 17; ecc. Composti, sostantivi, 38; aggetlivi, 51;
causa col dat., add. a pag. 140; causae

verbi, 59.
plur. astr., 73.

Conato: ipf. con senso di conato,
causale (subordinazione), 225.

180; partic. pres. con senso dl co-
causale (congiuntivo), 197.

nalo, 206.
causale (asindeto), 244.

concedere, 67.
cavere col cong. senza ne, 195; col- concessiva (subordinazione), 227.
l infin., 20 I.

Concinnitas, 234, nota 2; 91, 129,
cedere per procedere, 64.

133, 142, ecc.
censere col cong. (senza ut), 195 (e conclusiva (coordinazione). 224.

nota); coll'accus. e l'infin., 203; con Concordanza, 80-87; c. ad sententiam,
varie costruzioni a un tempo, 232 plur. del verbo coi soggelli collellivi
(e addenda).

sgl., 80 ; plur. del predicato (o del-
certamina plur. astr., 97.

l'apposizione) con due sogg. unili da
cervices plur., 91.

cum, 82; c. dell'aggetl. o partic. :

« IndietroContinua »