Opera colle controversie sulla Gerusalemme, Volumi 7-8

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 75 - Quell' esser parte per diverse essenze, Da lui distinte e da lui contenute ; Gli altri giron per varie differenze Le distinzion, che dentro da sé hanno, Dispongono a lor fini e lor semenze. Questi organi del mondo così vanno, Come tu vedi omai, di grado in grado, Che di su prendono, e di sotto fanno. Riguarda bene a me, sì com' io vado Per questo loco al ver che tu disiri, Sì che poi sappi sol tener lo guado.
Pagina 46 - Nota non pure in una sola parte, Come Natura lo suo corso prende Dal divino Intelletto e da sua arte : E se tu ben la tua Fisica note, Tu troverai non dopo molte carte, Che 1' arte vostra quella, quanto puote, Segue, come il maestro fa il discente, SI che vostr
Pagina 83 - Spiritus intus alit: totamque infusa per artus ' Mens agitat molem, et magno se corpore miscet ' Inde hominum pecudumque genus vitaeque volantum ' Et quae marmoreo fert monstra sub aequore pontus.
Pagina 278 - Qual ninfa in fonti, in selve mai qual dea chiome d'oro sì fino a l'aura sciolse? quando un cor tante in sé vertuti accolse? benché la somma è di mia morte rea. Per divina bellezza indarno mira, chi gli occhi de costei già mai non vide, come soavemente ella gli gira; non sa come Amor sana e come ancide chi non sa come dolce ella sospira e come dolce parla e dolce ride.
Pagina 5 - Ma, se non m' inganno, l'ultima forma fu aggiunta 172 da lui non come essenziale ma quasi accidentale a la poesia, ne la quale sono alcuni parlari nudi e senza condimento che per se stessi sogliono esser ascoltati e letti volentieri, altri e...
Pagina 61 - At vero ut vultum vidit morientis et ora, Ora modis Anchisiades pallentia miris ; Ingemuit miserans graviter, dextramque tetendit Et mentem...
Pagina 286 - ... n un punto m'agghiaccia e mi riscalda. CVI Co1n'ella dolce lo prese nel laccio d'amore. Nova angeletta sovra l'ale accorta scese dal cielo in su la fresca riva, là 'nd'io passava sol per mio destino: poi che senza compagna e senza scorta mi vide, un laccio che di seta ordiva tese fra l'erba ond'è verde il camino: allor fui preso; e non mi spiacque poi, si dolce lume uscia de gli occhi suoi.
Pagina 150 - Timeo dell' anime argomenta" Non è simile a ciò che qui si vede, Però che, come dice, par che senta. Dice che l' alma alla sua stella riede, Credendo quella quindi esser decisa, Quando natura per forma la diede. E forse sua sentenza è d' altra guisa, Che la voce non suona, ed esser puote Con intenzion da non esser derisa. S...
Pagina 64 - n più deserto lido, Tanto più bella il mio pensier l'adombra.
Pagina 280 - Ed io pur vivo, onde mi doglio e sdegno, rimaso senza '1 lume ch'amai tanto in gran fortuna e 'n disarmato legno. Or sia qui fine al mio amoroso canto: secca è la vena de l'usato ingegno e la cetera mia rivolta in pianto. S'io avesse pensato che sì care fossin le voci de...

Informazioni bibliografiche