Opere

Copertina anteriore
Presso G. Pirotta, 1816
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 298 - Idvor dent per dent; Ma sentendes pussee forza in di venn , El leva su Tancred el dì vegnent ; E el se porta al sepolcher col coo bass, Quiett comè on agnell insci pass pass. Rivaa là dove l'è come in pre»on, 'Anzi dove el sò coeur l...
Pagina 83 - I ragg che senza rompel passen dent , Insci la vesta no la pò fermali El penser ch...
Pagina 8 - Musa del Bottonuu, quanci poetta Han faa la scimbia al Tass prima de ti ? Via , demmegh dent , l' è vora che .me metta A fa l
Pagina 6 - Se lodevole o no sia stata l' impresa con cui ognuno di questi Italiani volle , per dir così, far cittadino il Tasso della propria j. patria non è qui per noi da indagarsi. Egli è però ben certo che le loro traduzioni furono sempre lette e si vanno tuttora leggendo con piacere dagF intendenti. E cosi è pur da dirsi della Gerusalemme del Balestrieri, la quale , dopo diciassette anni di lavoro da lui spesivi intorno t vide la luce nell'anno i773.
Pagina 5 - Panizi, ed in genovese da diversi autori. Ad imitazione loro pertanto prese Domenico Balestrieri a recare in dialetto milanese quel poema; ed è certo che questa sua fatica può andar del paro con tutte quelle de...
Pagina 292 - In del portall o pocch o assee el scorlissen , Ma pur nol se ressent Tancred ferii ; Infin poeù el dis : Oimè ! de lì capissen Che no l'è minga gnanmò affacc spedii ; Con l'ol ter corp mò n'occorr che immattissen , Che nol da segn de vita anch succudii.
Pagina 287 - E van tace duu a incontrass pussee fogos , Pussee instizzii che nè duu tòr gelos: Degn d'ess vist del mezzdì de tutt el mond Hin qui) prodezz tant spiritos e bej ; E ti brutta noce tencia te vee a scond Col tò scur de sta sort de maravej? Ma mi vuj metti al ciar, te vuj sconfond Con sti vers (iuceh che no soo fann de mej ; E avaroo almanch el gust che ghe sia intraa On Milanes tra tane che i han lodaa. INo gh...
Pagina 409 - A indoragh l' armadura , e lì vesin La fava on beli cangiant inscima al mont De color de naranz col verdesin; E el se sentiva a restora la front De l'aria che menava on beli ireschin , E on tamitl de rosada ben leggera La ghe spruzzava la soa cavellera. /L
Pagina 332 - Dove te voeu meuann , e chi te see ; Mi resti locch , no soo quell che me creda . Se dorma, se ghe veda, o ghe straveda. Chi semm sott terra , el ghe respond ; tu tt quell Che nass dessora el se produs chi sott, E avarissev , per brio , sonaa el zuccheìl , Se no ghe fuss anmì , d
Pagina 297 - Quij passion che tosseghen col piasè» "Viv pur , e sappici , te vuj on ben grand , Tutt quell ver ben che mi te poss vorè ; lì! in del dì insci la ghe dè on sguard, mandand Di ocucc on ciar ch' el simci chi nol gh' è ; E poeù in del mezz d' on lum de quella sort La scompar, la ghe lassa on gran confort.

Informazioni bibliografiche