Bel-ami

Copertina anteriore
Bur, 4 apr 2012 - 400 pagine
Georges Duroy è incredibilmente bello, e altrettanto spiantato. Quando rientra a Parigi, dopo due anni in Algeria come ufficiale degli ussari, ha una manciata di franchi in tasca e nessuna idea per il proprio futuro. Ma la sua vita è destinata a cambiare in fretta. L'incontro casuale con Charles Forestier, vecchio commilitone diventato caporedattore alla "Vie Française", gli apre le porte del giornalismo e dei salotti mondani. Con il malizioso soprannome di Bel-Ami, Georges inizia a sfruttare i vantaggi del proprio irresistibile fascino su donne potenti, che lo riveriscono e lo aiutano ad arrivare sempre più in alto. Oltre qualsiasi limite etico e morale. Un classico senza tempo e un antieroe da antologia, arrampicatore sociale per eccellenza. Maupassant delinea un affresco d'epoca amaro e brillante che ben coglie la mondana vivacità della Belle époque - e la corruzione da cui era pervasa come un cancro. TRADUZIONE DI GIORGIO CAPRONI
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2012)

Guy De Maupassant (1850 – 1893) o delle tranches de vie. Allievo di Flaubert, allena il suo sguardo a percepire il grottesco in ogni manifestazione della vita borghese. Dal 1881 scrive ininterrottamente romanzi e racconti: Una vita, Pierre e Jean, Forte come la morte, Le Horla, La mano sinistra. E, nel 1885, Bel-Ami, che racconta il cinismo e la disgregazione morale della Francia di fine secolo. Raggiunge il successo, vive nel lusso, viaggia per mare sullo yacht Bel-Ami. Muore a quarantatré anni, folle, in una clinica di Parigi.

Informazioni bibliografiche