I miei matti: Ricordi e storie di un medico della mente

Copertina anteriore
Bur - 272 pagine
1 Recensione
Ricordi e storie di un medico della mente "Immensi spazi vuoti, di un bianco gelido. Il bianco era il colore della morte. Il bianco era il colore della follia, della follia intesa come pre-morte." Vittorino Andreoli Poco meno che ventenne, Vittorino Andreoli varca per la prima volta la soglia di un manicomio. È l’inizio di una grande passione, di una lunga carriera a stretto contatto con i matti, con le grandi questioni della ricerca, con le drammatiche esigenze dei malati di mente, fino all’ultimo giorno, quello della decisione di abbandonare per sempre i luoghi della follia. Anni di osservazione, di esperienze forti, scoperte appassionanti e avvilenti frustrazioni di fronte al dolore psichico: storie di pazienti che rivivono per noi in queste pagine, nelle memorie di un medico che ha visto cambiare la psichiatria e che ha contribuito ad alcune delle sue importanti trasformazioni. Un documento prezioso, ma soprattutto un percorso sincero, autobiografico, pieno di affetto, dentro una condizione umana così misteriosa, che ci riguarda tutti da vicino. Perché i matti sono uomini tra gli altri uomini.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

I miei matti. Ricordi e storie di un medico della mente

Recensione dell'utente  - Rainbow - IBS

Un libro bellissimo, che mi ha trasmesso la passione con cui l'autore ha voluto conoscere il mondo della follia e che ha spinto anche me ad avvicinarmi ad esso. Spero, un giorno non troppo lontano, di ... Leggi recensione completa

Pagine selezionate

Indice

Sezione 1
Sezione 2
Sezione 3
Sezione 4
Sezione 5
Sezione 6
Sezione 7
Sezione 8
Sezione 9
Sezione 10
Sezione 11
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2012)

Vittorino Andreoli, psichiatra di fama mondiale, è sta- to direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona – Soave ed è membro della New York Academy of Sciences. Tra le sue ultime opere pubblicate in BUR ricordiamo Il denaro vile (2016), Ma siamo matti (2015), L’educazione (im)possibile (2014), Corso di sopravvivenza per genitori e insegnanti (2014), L’uomo di superficie (2013).

Informazioni bibliografiche