Le quattro stagioni

Copertina anteriore
Lampi di stampa, 1 gen 2004 - 112 pagine
"Al crocicchio del Cordusio, una piccola bara bianca, accompagnata al cimitero, fa arrestare un omnibus pieno dei piccoli allievi del Pio Istituto dei Rachitici che si affacciano a guardare; a De Marchi, che osserva con tenerezza la scena, tocca di sorbirsi mortificato le considerazioni di un "loico" passante sulla Natura, che manda la buona morte" a portare vai "le creature impossibili", e sulla "filantropia e la scienza che non possono che essere una brutta Errata-corrige nel libro della vita". Con il ricordo di questa scena e il richiamo a quella Filosofia del cuore", cui De Marchi aderì con impegno costante, si aprono "Le quattro stagioni". Riproduzione a richiesta dell'edizione: Cooperativa Editrice Italiana, 1892."
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

Sezione 1
1
Sezione 2
25
Sezione 3
52
Sezione 4
65
Sezione 5
71
Sezione 6
75
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche