Immagini della pagina
PDF

Tir*»*, 155

tllegando , che qucfto Monaftcrio jjon riceuea altre Monachete non erano nate nobili dalle famiglie , 'che godono della nobiltà nelle piazze fole di Nilo,e Capuana,e che queftononlo faccuano perfuperbia, mà folo per non pregiudicare all'ufo anricodcl Monaftcrio,alla>, fine con Uloro innata gentilezza fi compiacquero d'accettarle, coru qucfto patto però , che trà le Reliquie del Monaftcrio di Bnjano, che compartir fi doveano à quelli Monaftcrii, dove dette Monache venivano compartite, il Sangue di San Gio:Battifla fuflc loro augnato come feguL

Mà torniamo all'antica Chiefa, & al fico doue primieramente ne flava. Vogliono molti, e con qualche probabilità,che il primo luogo' antico del Monaftcrio fuflc (lato dirimpettoalprefente Monaftcrio, e proprio doue fi dice,il Fondaco o i S.Ligorio.e che la Chiefa fuflc (lata attaccata all'arco, doue alprefence

fu

ftà il Campanile dalla parte dcftra, quando fi và su verfo$.Paolo»e fino nell'anno 1688. vi (i vedevano le veftigia della porca,di due feneftrc i e d*un occhio tondo, quali fono (lati tolti via dalli Frati di S. Lorc20 per rifare la muraglia fieramente lefa dal tremuoto nell'anno già detto accaduto à 5.di Giugno i e fi (lima i che quefta fia (lata la Chiefa , che da Gio:Vefcouo d'Averfa,c dal fuo Capitolo, che n'erano padroni fu conceduta(comc fi di(Tc)à FraNicoJòdi Tcrracina doppochclc mo-nache fecero la loro Chiefa dentro del Monaftcrio dall'altra parte , nella quale dal vecchio paflauano per ponte,chehoggi ferve da Cani* panile.

Non hò potuto trovare poi.benche habbia fatto efatti (lime diligeae, casi nell'archivii de* Frati di S. Lorenzo, come del Monaftcrio di S. Grcgorio, perche nella Chiefa di S. Lorenzo (ìconlcrva il Corpo di San Grcgorio Armeno > e nella Chiefa

del

gitr»4(4 Terx.it. 2 57 delle Monache fi conferva?* la Reliqtiia di s. Lorenzo,!a quale poi fu cambiata colla Tcfta di s.Gregorio» che da i Frati fi confermava coti* l'altre Reliquie del Santo. Altronó fi può fupponcre , che havendo lafciata le monache la prima Chiefa vi lafciorno anco il corpo del SantOidove collocato l'haveano, e coti effe lero fi portorno la Reliquia di S.Lorenzo. Quefta però è una fcmpliceponderationc non eflendovt 8Ù quefto traditionc, ò memoria alcuna. Quefta Chiefa ne' tempi andati hebbe varii titoli fu detta di S* Pantalcone,ru chiamata diS. Seba(Mano, come fi vede in molti antichi iftromenti,c fu intitolata di San Crcgoriotò Liguoro dal volgo,qual titolo hà ritenuto fin'hora.Horvégafialmoderno. La Chiefa hoggt veder non fi può piu bella , e particolarmente ne'giorni feftiui, che.» fembra ftanza di Paradifo in tetra.

Li cupula,i quadri trà Icfeneftre dore fi vedono cfprefie molteattionidiS.Gregorio, le lunette dello .Cappelle dove fi vedono molte virtu,& i quadri su la porta da dentro, ne' quali fi vede la venuta delle Monache Greche in Napoli,e le dipinturedelCoro , doue ne (tanno efprelfe molte anioni di S.Benedetto, fono opere à frefco delnoftro Luca Giordani,e la Cupula già detta fu la primi che egli dipiofe iiu Napoli, eilendogiouane-,e. queftc dipinture ftan tutte pofte fra (luechi dorati.:

Lafuflìttac tutta adoroata d'intagli ben'intefi.e dorati,e le dipin. ture ad oglio fon di mano di TeodoroFiamcngo. 11 capo Altare egli è tutto adornato d'eleganti, e prctiofi marmi commefli col difegno, & attinenza di Dionifio Lazari. La tavola chevi fi vede,nella quale (II efpreiTal'Afcenfione del Signore fiì dipinta dal noftro Gio: Berardino Lama.

Latela che (là nella prima Gappella dalla parte dell'Evangelio ,

do

dove efpreflo fi vede s. Benedetto » ftimafi del Ribcra. Quella che fiegue co una tavola décrovi la dccollaiionc di s.Gio:Battifta fu dipinta dal noftro Silveftro Buono.

In altra Cappella dell'ilrefla parte vi fi vede una miracolcfa Imagine del Crocififlo molto antica i che flava nella Ciucia vecchia.

Dalla parte deli'Hpiftola n elle Cappelle, vie una tavola di San Pi«tro,c Paolo con altri Sancì,opera d'Andrea di Salerno, e confecut'm a (juefta la Cappella di S. Grc» gorìo. Quelchein quefta vedefi dipinto à frefco e opera di Franccfco di Maria. Il quadro dell'Altare, ed i due laterali fono (lati dipinti da^ Francefco Fraganzani cognato di Salvatore Rofa noftro Na poletano.

Nell'ultima Cappella pretto la porta vi è una tela doue ftà cfprefla la Vergine dall'Angelo annunciata, la quale fu dipinta dal noftro Paceccodi Rofa.

Vi fono due famofi Organi ultima

« IndietroContinua »