Il mese della Luna

Copertina anteriore
Gingko Edizioni, 13 dic 2013 - 112 pagine
0 Recensioni

Luglio 1969. L’uomo si appresta a sbarcare sulla Luna. Il mondo è in trepidazione per lo straordinario evento. In Italia, nella periferia di una grande città, un adolescente si trova a trascorrere un’insolita estate di dubbi, insicurezze amorose e tragedia che lo cambierà per sempre. In compagnia di un ragazzo più grande ossessionato dall’idea di uccidere suo padre, coinvolto in oscure avventure, costretto dai suoi genitori ad ‘‘imparare cosa significa lavorare” nella falegnameria dello zio, il protagonista si confronterà con le ansie tipiche della sua età, dovrà vincere l’angoscia di rivelare i propri sentimenti, capire e accettare l’immagine che di lui si riflette allo specchio, e soprattutto affrontare il peso delle folli intenzioni del suo amico.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni sull'autore (2013)

Alessandro Franci è nato nel 1954 a Firenze dove si è laureato in architettura e dove vive. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Senza luogo”, Edizioni Gazebo, Firenze, 1985. I racconti “Delitti marginali”, Edizioni Gazebo, Firenze, 1994. Gli aforismi “La pena uguale”, Edizioni Gazebo, Firenze, 2009. Nel giugno 2011 è uscita in ebook la sua raccolta di racconti “Il fermaglio”, presso la rivista online larecherche.it. Per la stessa rivista, nel 2012, l’ebook “La Luna è nuova”. Nel 1984 è stato tra i fondatori di “Ottovolante – circuito di produzione di poesia”. Dal 1983 al 1993 è stato redattore di “Salvo imprevisti”, e dal 1993 lo è de “L’area di Broca”. Suoi lavori compaiono nelle antologie “Poeti oggi”,
a cura di Piero Santi; “Forte Poesia”, biblioteca di Forte dei Marmi, 1984; “Il circuito di poesia”, a cura di Massimo Mori, Manni Editore, Lecce, 1997. “Scrittori e scritture di fine ’900’’ , edizione multimediale a cura di Mariella Bettarini e Gabriella Maleti, Edizioni Mediateca, Campi Bisenzio, 2000. Si sono interessati ai suoi lavori, tra gli altri: Giorgio Barberi Squarotti, Gesualdo Bufalino, Giorgio Cusatelli, Inisero Cremaschi, Franco Fortini, Luigi Malerba, Paolo Ruffilli.

Informazioni bibliografiche