Notizia de' novellieri italiani: posseduti dal conte Anton-Maria Borromeo, gentiluomo padovano, con alcune novelle inedite

Copertina anteriore
G. Remondini e figli, stampatori, 1794 - 243 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 242 - Petrarca ec. ms. , non vi esser cosa alcuna contro la santa Fede Cattolica , e parimente per attestato del Segretario nostro , niente contro...
Pagina 8 - Impresso in Firenze per li heredi di Philippo di Giunta nell'anno del Signore MDXXVII, e di VI del mese di Luglio. Ristampato poscia in Venezia (1332) ed in Firenze, (Agosto 1727). II. Poeti antichi raccolti da
Pagina 104 - Conte , quasi a forza menò forse un' ora davanti al convito la Contessa ; la quale , tosto che in sala tra la più povera gente ascondendosi fu apparita , il Conte in abito lieto , tutto ridente e giojoso verso di lei piacevolmente volgendo il passo , con alta voce...
Pagina 27 - Di rhe costui n'era forte innamorato, e non trovava luogo, perché non la poteva vedere a sua posta . La donna di questo non curava, e forse non se ne avvedeva , perché amore non le aveva an-.
Pagina 98 - F esser figliuola del Conte di Tolosa ; e pure il primo giorno che di là partimmo , ti fu da me detto , e da te promesso che , tutto il rimanente dimenticando , solo ti resterebbe in memoria lo esser povera e moglie del Navarro . Per che da capo ti dico che se da me vorrai pace , ti disporrai di far questo , e quanto altro io ti dirò; ovveramente lasciandoti io qui sola , mi andrò in altra parte a cercar mia ventura . Fulle forza di prometterlo ; e la mattina , come le fu imposto...
Pagina 91 - Amico mio , posciachè la tua buona fortuna e la mia rea , ed il tuo molto avvedimento ed il mio poco ne ha indotti a tale , che io nobilissimamente nata debba , non volendo ingannare Dio e gli uomini, divenir di un...
Pagina 77 - Giojelliere divisato r portando in braccio una di quelle cassette che tutto il giorno si veggono in Parigi portare, ed in tutta la Francia , ed in Italia ancora , dove portano cose infinite e diverse a vendere, e le vanno domesticamente offerendo alle Gentildonne ed a...
Pagina 68 - ... di non maritar la figlia ad alcuno, quantunque fusse il Re di Fran•cia medesimo, di cui ella prima avendolo e veduto e considerato, non si contentasse : aggiugnendo che a giovinetta figlia non può farsi più bel presente, quanto il donarle libertà di eleggersi secondo il suo animo quella compagnia di cui deve esser sempre , e la qual non si può se non con vergogna rompere o con morte . 11 Conte, udite le amorevoli e giuste domande della carissima Donna, e considerato che quelle dovevan esser...
Pagina 89 - ... intorno alla sua padrona , mostrandole che le cose fatte una volta non peggioravano di condizione fatte più volte , e che quel medesimo era uno che quattro ; . e seppe tanto ben fare , che , oltre alla punta del diamante , guadagnò un rubino bellissimo , ed uno smeraldo , de...
Pagina 186 - Fa che non t'intervenga di quelle di stamattina: mettene in mollo doviziosamente, ch'i preti non vogliono ciance alla scudella; cuocene a sbacco senza miseria. Rispose Masetto: Sarà fatto, missere. E quando fu il tempo, prese un mezzo stajo di ceci, che ser Pace aveva di pochi giorni comprati, e tutti li messe in mollo; e così in tre pignatte la mattina li misSe e cosse. E proveduto...

Informazioni bibliografiche