Immagini della pagina
PDF

LA COM MEDIA

DI

DANTE ALIGHIERI

LA

COMMEDIA

DI

DANTE ALIGHIERI

LONDRA:
RIVINGTON

[merged small][graphic][graphic]

DEL POETA DANTE E COME MORI.

Nel detto anno Mcccxxi. del mese di Luglio si morì Dante nella città di Ravenna in Romagna, essendo tornato d' ambasceria da Vinegia in servigio dei signori da Polenta con cui dimorava; e in Ravenna dinanzi alla porta della chiesa maggiore fu sepelito a grande honore in habito di poeta e di grande philosopho. Morio in esilio del comune di Firenze in età circa Ivi. anni. Questo Dante fue honorevole antico cittadino di Firenze di porta San Piero, e il suo esilio da Firenze fu per cagione che quando m. Carlo di Valois della casa di Francia venne in Firenze 1' anno Mccci., e caccionne la parte bianca, come dicemo addietro, il detto Danto era dei maggiori governatori della nostra città, e di quella parte, bene che fosse guelfo; e però senza altra colpa, con la detta parte bianca fue cacciato e sbandito di Firenze, e andossene allo studio a Bologna, e poi a Parigi, e in più parti del mondo. Questi fue grande letterato quasi in ogni scienza, tutto fosse layco; fue sommo poeta, e philosopho e retorico perfetto, tanto in dittare e versificare come in aringa parlare; nobilissimo dicitore, in rima

« IndietroContinua »