Vocabolario poetico, in cui si spiegano le voci ed elocuzioni proprie della poesía italiana

Copertina anteriore
nella stamperia di W.E.C. Spilsbury, 1800 - 174 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 82 - Come la fronda, che flette la cima Nel transito del vento, e poi si leva, Per la propria virtù, che la sublima: Fec' io in tanto , in quanto ella diceva , Stupendo , e poi mi rifece sicuro Un disio di parlare, ond...
Pagina 64 - mperador del doloroso regno Da mezzo 'l petto uscia fuor della ghiaccia : E più con un gigante i' mi convegno, Che i giganti non fan con le sue braccia : Vedi oggimai, quant' esser dee quel tutto, Ch' a così fatta parte si confaccia.
Pagina 48 - Amor, ch'or cieco, or Argo, ora ne veli di benda gli occhi, ora ce gli apri e giri, tu per mille custodie entro ai più casti verginei alberghi il guardo altrui portasti.
Pagina 135 - Ma non si tosto dal materno stelo rimossa viene e dal suo ceppo verde, che quanto avea dagli uomini e dal cielo favor, grazia e bellezza, tutto perde. La vergine che 'l fior, di che più zelo che de...
Pagina 33 - Com' occhio per lo mar, dentro s' interua ; Chè, benchè dalla proda veggia il fondo, In pelago nol vede, e nondimeno È lì, ma cela lui l' esser profondo. Lume non è, se non vien dal sereno Che non si turba mai, anzi è tenebra, Od ombra della carne, o suo veleno. Assai t' è mo aperta la latebra, Che t...
Pagina 37 - Indi i pagani tanto a spaventarsi, indi i fedeli a pigliar tanto ardire, che quei non facean altro che ritrarsi e partirsi...
Pagina 125 - Predella, quella parte del freno dove si tiene la mano quando si conduce il cavallo. Così quasi tutti gli spositori. Due soli, derivando questa voce da prcedium, intendono possessione. Il Lombardi, traducendo col Dizionario sgabello o seggio, spiega il verso così : Poi che facesti violenza contro il seggio imperiale.
Pagina 14 - ... nel verso, egli molto spesso ora le latine voci, ora le straniere, che non sono state dalla Toscana ricevute, ora le vecchie del tutto e tralasciate, ora le non usate e rozze, ora le immonde e brutte, ora le durissime usando, e allo...
Pagina 94 - Negli occhi era ciascuna oscura e cava, Pallida nella faccia, e tanto scema, Che dall' ossa la pelle s
Pagina 133 - Io son Virgilio: e per nuli' altro rio Lo del perdei , che per non aver fé . . 41 Semo per siamo.

Informazioni bibliografiche