Costituzione del regno di Sicilia: proposta dal generale straordinario parlamento nel 1812 sanzionata con due reali diplomi de' 9 febraro e 25 maggio 1813

Copertina anteriore
A. Muratori, 1848 - 135 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 4 - Sicilia come in allodii, conservando però nelle rispettive famiglie l'ordine di successione, che attualmente si gode. Cesseranno ancora le giurisdizioni baronali; e quindi i baroni saranno esenti da tutti i pesi, a cui finora sono stati soggetti per tali diritti feudali.
Pagina 3 - IX. Che sarà privativa del Re il convocare, prorogare, e sciogliere il Parlamento secondo le forme ed istituzioni, che si stabiliranno in appresso. Sua Maestà però sarà tenuta di convocarlo in ogni anno. X. Che alcun Siciliano non potrà essere arrestato, esiliato, o in altro modo punito, o turbato nel possesso e godimento de...
Pagina 2 - Che il Potere Giudiziario sarà distinto ed indipendente dal Potere Esecutivo e Legislativo, e si eserciterà da un Corpo di Giudici e Magistrati. Questi saranno giudicati, puniti e privati d'impiego per sentenza della Camera de...
Pagina 1 - Parlamento, con real dispaccio del primo maggio dell'anno passato, per provvedersi dal medesimo non solo ai bisogni dello Stato, ma ancora alla correzione degli abusi, al miglioramento delle leggi, ed a tutto ciò, che...
Pagina 33 - CAPITOLO XXII. Ogni cittadino siciliano , che non fosse membro del Parlamento potrà avanzare una sua domanda , querela , o progetto di legge per lui , o in nome del pubblico al Parlamento, per mezzo però di un membro del medesimo: se la domanda, progetto, o querela riguarda un oggetto pubblico, il membro di una delle due Camere, che ne sarà incaricato non potrà ricusarsi di leggerlo pubblicamente alla Camera : se riguarda un oggetto particolare, si dovrà dare ad un comitato, per discutersi,...
Pagina 55 - Placet, purché il tempo si regoli a norma dell'articolo ottavo. N. 25. — Spirati i tre giorni si passerà alla numerazione di tutti i voti che avrà ottenuto ciascuno dei candidati nel termine di sopra prescritto, e si darà a ciascuno degli eletti a pluralità di voti il certificato corrispondente firmato dal capitano, dagli squittinatori e dal maestro notaro del luogo, ed autenticato, co' suggelli del detto capitano e del consiglio civico.
Pagina 2 - Che la religione dovrà essere unicamente, ad esclusione di qualunque altra, la Cattolica, Apostolica, Romana, e che il Re sarà obbligato professare la medesima religione ; e quante volte ne professerà un' altra, sarà ipso facto decaduto dal Trono.
Pagina 26 - Majeslaii. § 3. La camera sola potrà prendere cognizione degli eccessi che i suoi membri commetteranno nella stessa camera : ad essa sola si apparterrà di punirli con voti di censura espressi a voce o ridotti agli atti , colla carcerazione , col divieto d'intervenire in Parlamento o con pene anche più gravi, come si dichiarerà nel nuovo codice criminale. Placet Regiae Majeitati. CAPITOLO XYIH. § 1. Ognuno de' due presidenti eleggerà il cancnlliere della sua camera coll'annuo soldo di onze...
Pagina 3 - Comuni, o sia de' rappresentanti delle popolazioni tanto demaniali, che baronali, con quelle condizioni e forme, che stabilirà il Parlamento ne...
Pagina 62 - ... monarchia di Sicilia sarà sempre ereditaria. Placet. % 2. II. La successione al trono sarà conservata nell'attuale ramo della famiglia Borbone oggi regnante in Sicilia, e sarà stabilita con quelle leggi qui appresso espresse, analoghe e conformi alla saggia disposizione dell' augusto e magnanimo padre del nostro monarca.

Informazioni bibliografiche