La Basilicata, libri tre: studi politici, amministrativi e di economia publica

Copertina anteriore
Coi Tipi di G. Civelli, 1868 - 625 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 468 - ... vi era stato trucidato dalle guardie : e avvegnaché si finse che avessero spezzate le catene, e tentata e cominciata la fuga, si andò uccidendoli in varii punti di quel terreno, a gruppi e alla spicciolata, di ferro e di archibugio, trafitti in vario modo, come suole in guerra; contrafacendo con istudiosa crudeltà gli accidenti delle battaglie. Pareva quel luogo un campo dopo la guerra.
Pagina 463 - Le sorti de' rimasti furono tristissime; che nessuna pietà sentirono i vincitori: donne, vecchi, fanciulli, uccisi; un convento di vergini profanato; tutte le malvagità, tutte le lascivie saziate; non ad Andria e non a Trani, forse ad Alessia ed a Sagunto (se le antiche istorie son veritiere) possono assomigliare le rovine e le stragi di Altamura.
Pagina 471 - ... briganti per alimentarsi e nascondersi; e dipoi palesò i suoi disegni. Pubblicate in ogni comune le liste de' banditi, imporre a' cittadini di ucciderli o imprigionarli; armare e muovere tutti gli uomini atti alle armi; punire di morte ogni corrispondenza co...
Pagina 471 - Scilla ed io stava nascosto dietro un macigno poteva ucciderla ; « n' ebbi il pensiero , preparai le armi , e poi l' aspetto grande e « regio mi trattenne. Ma se io jeri uccideva il re, oggi non sarei « preso e vicino a morte. » II re gli fece grazia , il brigante baciò il ginocchio del cavallo , parti libero e lieto , e da quel giorno visse onestamente nella sua patria. Gioacchino , poi che vide possibile ogni delitto a...
Pagina 471 - Regno erano sempre mai travagliate dal brigantaggio; le provvigioni di guerra predate sul cammino, i soldati assaliti ed uccisi per fino intorno al campo. Un giorno nelle pianure di Palme il re, incontrandosi ad uomo che i gendarmi menavano legato, dimandò chi fosse; e prima di ogni altro parlò il prigione e disse : « Maestà, sono un brigante, ma degno di perdono, » perché ieri mentre Vostra Maestà saliva i monti di Scilla ed » io stava nascosto dietro un macigno, poteva ucciderla ; n'eb»...
Pagina 468 - Morano viddi molti cadaveri, e seppi che il giorno innanzi uno stuolo di amnistiali (così li chiamavano con voce francese) vi era stato trucidato dalle guardie: e avvegnaché .si finse che avessero spezzate le catene, e tentata e cominciata la fuga, si andò uccidendoli in varii punti di quel terreno, a gruppi e alla spicciolata, di ferro e di archibugio, trafitti...
Pagina 460 - I sacerdoti, scrive Pietro Colletta, eccitavano alla guerra con devote preghiere nelle chiese e nelle piazze : i troppo vecchi, i troppo giovani pugnavano quanto valeva debilità del proprio stato: le donne prendevano cura pietosa dei feriti : e parecchie, vestite come uomini, combattevano a fianco dei mariti o de' fratelli ; ingannando il nemico meno dalle mutate vesti che per valore.
Pagina 463 - ... assalitori, nessuna de' cittadini; e morir questi straziati senza pericolo degli uccisori; e, privati d'armi e di vendetta, sentir la morte più dura. Perciò gli Altamurani difendendo le brecce col ferro, e con travi, e sassi, uccisero molti nemici; e quando viddero presa la città ; quanti poterono uomini e donne. pe'r la uscita meno guernita, fuggendo e combattendo scamparono. Le sorti de...
Pagina 467 - ... giurarono; né per ravvedimento ed amor sincero di pace, ma per godere quietamente la male acquistata ricchezza, ed aspettare opportunità di nuovi guadagni.
Pagina 462 - Cotrone fu debellata con strage de' cittadini armati o inermi, e tra spogli, libidini e crudeltà cieche, infinite. Durò lo scompiglio due giorni; e nella mattina che seguì, alzato nel campo altare magnifico e croce ornata, dopo la messa che un prete guerriero della Santa Fede celebrò, il cardinale, vestito riccamente di porpora, lodò le geste de...

Informazioni bibliografiche