Vocabolario milanese-italiano

Copertina anteriore
G. Brigola, 1870 - 792 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina xii - Dante Alighieri son, Minerva oscura D'intelligenza e d'arte, nel cui ingegno L'eleganza materna aggiunse al segno Che si tien gran miracol di natura. L'alta mia fantasia pronta e sicura Passò il tartareo e poi '1 celeste regno, E '1 nobil mio volume feci degno Di temporale e spirital lettura.
Pagina xii - Or ti dirò perch' i' son tal vicino ' . " Che per 1' effetto de' suo' ma' pensieri, " Fidandomi di lui, io fossi preso ' E poscia morto, dir non è mestieri.
Pagina 606 - ... orlo ; dentro ai fori si passa un filo cerato , e si annoda ; vi si rigira poi dentro un fuscellino , il cui capo libero forzatamente si porta a uno dei punti estremi della lunghezza dell'orlo, dove è posta un poco di cera o pece che vel tiene appiccato qualche momento, dopo di che il fuscello si stacca, e, scattando , fa saltare esso guscio. Su per le fiere si vendono di legno , e in forma di ranocchio , ma col medesimo ordigno. » È anche detto Bis trizio ; ed in DATI , Lepid. 60 , Misirizzio;...
Pagina 446 - Casse si dicono que' legni del telaio, che stanno sospesi , e contengono in loro il pettine per cui passano le fila della tela...
Pagina xi - Questo mió volgare fu congiugnitore de li miei generanti, che con esso parlavano, sí come '1 fuoco è disponitore del ferro al fabbro che fa lo coltello; per che manifestó è lui essere concorso a la mia generazione, e cosí essere alcuna cagione del mió essere. Ancora, questo mió volgare fu introduttore di me ne la via di scienza, che è ultima perfezione, in quanto con esso io entrai ne lo latino e con esso mi fu mostrato: lo quale latino poi mi fu via a più innanzi andaré. E cosí è palese,...
Pagina 612 - Strumento di legno o di ferro a guisa di coltello, ma senza taglio, col quale si scuote e batte il lino o la canapa prima che si pettini per farne cadere la lisca, il che dicesi Scotolare.
Pagina 533 - Uscio a bilico, quello la cui imposta, massimamente quando è molto grave , non è ingangherata, ma sostenuta inferiormente su di un Pernio, che anche chiamano il Bilico, girevole su di un dado, o Rallino di metallo , fermato alla pari del pavimento, e nel cui centro è il Punto, cioè un incavo tondo e liscio , in cui posa e gira il bilico. Nella parte superiore la imposta ha una spranga di ferro che gira in un anello.
Pagina 281 - Il terzo stomaco degli animali ruminanti, quello cioè che riceve il cibo dalla trippa, e lo manda alla molletta.
Pagina 569 - Così chiamano indistintamente una Piastrella bislunga di ferro, con alcune intaccature nel margine a uso di rosicchiare i vetri, ei cristalli per (scantonarli, o per ridurli a determinati contorni.
Pagina 554 - Specie di piccolo naspo su cui si fa girare il filo di trama, seta od orsojo, di cui si vuol riconoscere il peso, e che , dopo cento agàte , dà il segnale col suono di un campanelluzzo che vi è unito.

Informazioni bibliografiche