Viaggio in Savoia: ossia descrizione degli Stati Oltramontani di S.M. il Re di Sardegna, Volumi 1-2

Copertina anteriore
Tip. Vignozzi, 1828
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 185 - Cosenza, che alla caccia Di me fu messo per Clemente, allora Avesse in Dio ben letta questa faccia, L' ossa del corpo mio sarieno ancora In co del ponte presso a Benevento, Sotto la guardia della grave mora.
Pagina 161 - E 1' altro ciel di bel sereno adorno } ^ E la faccia del sol nascere ombrata, Sì che per temperanza di vapori, L...
Pagina 210 - Son figli miei questi ch' addito e mostro, Custodi della mandra ; e non ho servi. Così men vivo in solitario chiostro, Saltar veggendo i capri snelli ei cervi, Ed i pesci guizzar di questo fiume, E spiegar gli augellelli al ciel le piume. XII. • Tempo già fu , quando più l...
Pagina 51 - 1 sol volge le 'nfiammate rote 15 per dar luogo a la notte, onde discende dagli altissimi monti maggior l'ombra, l'avaro zappador l'arme riprende, e con parole e con alpestri note ogni gravezza del suo petto sgombra: 20 e poi la mensa ingombra di povere vivande, simili a quelle ghiande le qua' fuggendo tutto '1 mondo onora.
Pagina 221 - O per tremuoto , o per sostegno manco ; Che da cima del monte, onde si mosse, Al piano, è si la roccia discoscesa, Ch...
Pagina 142 - Tu lascerai ogni cosa diletta Più caramente, e questo è quello strale Che l' arco dello esilio pria saetta.
Pagina 62 - O padre, or che d'intorno d'alto incendio di guerra arde il paese, come qui state in placido soggiorno senza temer le militari offese?
Pagina 136 - Rapido fiume, che d'alpestra vena rodendo intorno, onde '1 tuo nome prendi, notte e dì meco disioso scendi ov'Amor me, te sol Natura mena, vattene innanzi : il tuo corso non frena né stanchezza né sonno; e pria che rendi suo dritto al mar, fiso u' si mostri attendi l'erba più verde, e l'aria più serena.
Pagina 142 - Tu proverai sì come sa di sale Lo pane altrui, e com' è duro calle Lo scendere, e 'l salir per l' altrui scale. E quel, che più ti graverà le spalle, Sarà la compagnia malvagia e scempia, Con la qual tu cadrai in questa valle : Chè tutta ingrata, tutta matta ed empia Si farà contra te : ma poco appresso Ella, non tu, n
Pagina 151 - AH' altrui satisfar più eh' al tuo core. Or sopra il verde prato, or sotto il bosco, Or nell'erboso colle, or lungo il rio, Or lento or ratto a tuo diporto vai. Or la scure or 1' aratro or falce or marra, Or quinci or quindi, ov' il bisogno sprona, Quando è il tempo miglior, soletto adopri.

Informazioni bibliografiche