Museo di letteratura e filosofia, per cura di S. Gatti. [Continued as] Museo di scienze e letteratura. Nuova ser., vol. 1-15; 3a ser., vol. 1-nuova [4th], Volume 4

Copertina anteriore
Stanislao Gatti
1844
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 251 - Adunque la sapienza poetica, che fu la prima sapienza della gentilità, dovette incominciare da una metafisica, non ragionata ed astratta qual è questa or degli addottrinati, ma sentita ed immaginata quale dovett'essere di tai primi uomini, siccome quelli ch'erano di niuno raziocinio e tutti robusti sensi e vigorosissime fantasie, com'è stato nelle Degnità stabilito.
Pagina 184 - Questi Palazzi e queste logge or colte D'ostro, di marmo e di figure elette, Fur poche e basse case insieme accolte Deserti lidi e povere Isolette. Ma genti ardite d'ogni vizio sciolte Premeano il mar con picciole barchette, Che qui non per domar provincie molte, Ma fuggir servitu s' eran ristrette Non era ambizion ne' petti loro ; Ma '1 mentire abborrian piu che la morte, Ne vi regnava ingorda fame d
Pagina 381 - ... ne affliggeva, timoroso di giungere intempestivo; ma, come piacque alla Nostra Signora, mi trovai alla mostra che faceste alle Gomenizze. Aveva statuito" mettermi nella battaglia al vostro fianco, disposto a difendere con la mia vita il fortissimo campione della Cristianità, e il sangue più nobile di Spagna ; la fortuna amica per questa volta mi assentiva pieno il disegno, ed io devo ringraziarla se avendole data la vita, me la ritorna indietro con una mano di meno. Mi parve poi bene non farmi...
Pagina 112 - ... giudici inferiori ; o che in luogo di questi fossero degli arbitri, rendendosi allora più che mai frequenti i giudizi arbitrali de' vescovi. Le quali cose poterono tutte insieme avvenire confusamente e senza regola, come ogni cosa di quella età ; e se allora si vidde spegnersi affatto l' antica scienza, fa d'uopo credere che le forme conservataci di quella ogni dì più.
Pagina 83 - Goti , cadute al fisco ; ed il resto latifondi in gran parte posseduti da'Romani , ultimi avanzi di que' patrizi , i quali dicevano colui non essere ricco, che non potesse levare a sue spese un esercito. Per legge di Trajano (Plin. epist. VI. 19), ai senatori fu ingiunto di convertire in beni di suolo dentro a...
Pagina 80 - Greci quando vennero a distruggere il regno dei Goti : e quella che fu straniera conquista, e la peggiore di tutte, allora e poi si chiamò liberazione d' Italia. Vero è che i Goti da ultimo inferocirono contro a' sudditi ribelli ; ma da Costantinopoli non ci vennero che abietti vizi, ed avarizie crudeli, e orgoglio di vana scienza da lungo tempo isterilita. In quelle stesse vittorie i Greci apparvero da meno dei barbari : ed in quel punto mi sembra che dalle istituzioni del mondo antico si dipartisse...
Pagina 381 - Saavedra, tutto vostro per la vita , e per la morte. — Ah! Don Michele mio, datemi la mano.... — Io ve l'ho data, don Giovanni; se potesse crescermi di nuovo, io di nuovo ve la darei, in fede di Dio.... E il giacente mostrava per l'aria scura il braccio mutilato involto di panni sanguinosi.
Pagina 76 - Ulfila, uno di quegli uomini che sembrano soli bastare alla civiltà d' una nazione : ma ebbero il cristianesimo dai missionari di corte che ad essi andavano da Costantinopoli, e quindi furono ariani. Teodosio volle ridurli a una sorta di colonia militare nella Tracia ; ma il coltivare ed oggimai l' ubbidire non era cosa per loro : Alarico fu governatore dell...
Pagina 381 - Napoli, mercè il santo collegio delle muse,1 di cui mi confesso sacerdote indegnissimo, non mi trovai danaro sufficiente da pagare cavallo o vettura, e Dio sa se io me ne affliggeva, timoroso di giungere intempestivo; ma, come piacque alla Nostra Signora, mi trovai alla mostra che faceste alle Gomenizze. Aveva statuito" mettermi nella battaglia al vostro fianco, disposto a difendere con la mia vita il fortissimo campione della Cristianità, e il sangue più nobile di Spagna ; la fortuna amica per...
Pagina 381 - Buona sera don Giovanni ! E questi a cui non giungeva nuova la voce, ma su quel subito non ricordava di quale si fosse , rispose nel paterno sermone , come appunto favellava il giacente : — Dio vi guardi, prode nomo, e la Santa Vergine; voi , a quanto pare siete rimasto offeso ; sopportate pazientemente : fo voto a Dio per la vostra salute A poco prezzo avete acquistato una fama immortale. . . . — Il prezzo non è poco; — ma non importa. Don Giovanni , voi avete sembiante di non ravvisarmi....

Informazioni bibliografiche