Immagini della pagina
PDF
ePub
[ocr errors]
[ocr errors]

rosa

co e ro880.

Vozzo dalle donne ai loro fancialli. Mia de-
lisia ; Colonna di mie speranze ; Bel sol
degli occhi miei; Bella mia bocca ; Anima
mia.
COLONÀTO, s. m. Colonnaria, Agg. di
Moneta d'argento spagnuola, conosciuta an-
che in Venezia, del valore di undici liro've-
Dele.
COLONELO, 8. m. Colonnello, Titolo mi-
litare.

COLOkELO DE PANBGU , Ramo di stirpe
cioè La dipendenza da uno stipite, diversa
da uo' altra, che pur derivi dallo stesso sti-
pite.
COLONĖTA, s. f. Colonnetta; Colonnino,

Colonna piccola.
COLONETE DEL PERGOLO, Balaustri.

COLOKETB DBI IELOGI, Pilastrelli; Pila-
strini; Colonnette.
COLOR, s. m. Colore.

ROBA DE DO COLORI , Biscolore, Variegalo DE L'ISTESSO COLÒR, Concolore De più colori, Vario; Screziato o Scriziato; e quindi Panni screziati o vergati. Screzio, dicesi la varietà do' colori. PIERA DE DO COLORI, Paldata, chiamasi Quella pietra dura, com'è per esempio il Cammeo, che sopra è d'un colore e sotto d'un altro. COLÒR CATIVO,

Coloraccio ; Livido COLÒR CARGO, Colore profondo

CULÓK SNUBTO,

Dilavato COLÒR vivo , Colore

COLÒK CHIARO, Colore aperto o chiaro SMARİR EL COLÒR, Smontare; Smonlar di colore; Smorire; Scolorire COLÓK HORTIFICI, Colore uppannato, vale

scuro.

acceso

Latticinoso - BIANCO DE LATE, Color bian

COLÓR ZALETO,

Gialletto ; Gialliccio ; co latlato.

Giallino ; Gialluocio ZALO, SCOLORIO, COLÒR DE PIGNATA BROSADA, Color bron- Giollogno; Giallognolo; Gialloso - Gialsino, Agg. di volto o cera, vale Di colo re lorino o Giallosanto sono due specie di coacceso, incotto dal sole.

lore ZALO Scoro, Tané o Lionato sol COLÒR GRISDEPÈR, Grigioferro; Grisdeferro.

COLÒK DE ZAPARÅN , Color giuggiolino, COLÒR GRISO, Sgrigiato; Grigio, Si dice Tra giallo e rosso. per lo più di pelo o peone.

ATO DE COLÒR, Grado di colore ATI COLÒR INCARNA, Incarnato; Imbalcona- DE COLÒRI, Gradazione di colore. to; Scarnato; Scarnatino, Colore della Caiapia COLÒR, Incolorarsi. - Incarnatino, Colore misto di bian- CARGİN DE COLda. V. CARGAR.

CoupAGRO DE COLÒR, Concolore. COLÒR DE ISABELA, Falbo, dicesi al Man. FAA CHIAPİR EL COLÒR AL NOSTO, Rosotello del cavallo giallo-scuro. V. ISABELA. lare.

COLÒR DE LE SCOREZB, Coloraccio livido; MAGNARSE EL COLÒR, Stignere o StinSegrenna , Sparuto: dicesi alla faccia di gere. persona.

TRAR A UN COLÒR, Tirare o Pendere a COLÒR DELICATO O SOGETO A NACHIARSE,

un colore. Color facile o agevole o soggetto a mac- VEGNİR DE TOTI I COLÒRI, Diventar di chiarsi.

mille colori : dicesi di Chi per paura o por
COLOR DE LILA O GRISELIN, Lilla, che i altra passione cangia il color del volto,
Francesi dicono Lilas o Gris-de-lin; o si COLORAZZO, s. m. Coloraccio, Cattivo
distingue Lilla chiaro, gridellino e Lilla o brutto colore.
cupo, Colore tra bigio e rosso.

COLORI, Coloro, Quelli o Quei.
COLÒK DE NARÓN, Tanè, Color lionato COLORI, pronomo, Coloro plur. di Colui.

Secondo il Muratori, l'etimologia della
COLÒR DE NABANZA ,

Aranciato o Aran- voce Coloro si trae dal qui illorum usato cioso.

De' secoli barbarici in voce di qui ex illis.
COLÒR LATESİN, V. COLÒA CELESTE. COLORISTA, 8. m. Colorista, T. Pittore-
Colók De NOGHERA, Colore monachino, sco, Colui che intende bene l'arte del colo-
COLÒK PATRIARCA, Colore violaceo.

rito.
COLÒR GRAELİN. V. COLÒK DE LILA. COLOSTORTO o CHIETIN, s. m. Collo-
COLÒR sorzix, Topino o Soricigno. torlo; Torcicollo, dicesi per Ipocrito, falso
COLÒk D'ORO, Aurino; Doré; Rancio. divoto. Che tiene il collo a vite.

Colòk o’Oliva, Colore ulivigno o uli- COLOSTORTO, s. m. Uccello. V. CROSTOR-
vastro, Di colore che tende al livido.
COLÒR OLIVASTIO ,

Colore olivastro o COLPETİN) ulivastro.

COLPÈTO)

B. m. Colpetto; Colpellino. COLÒK PIONBİN, Color piombino.

DARGHE UN COLPÈTO, detto lig. Tentare; COLÒR R0880, Rosso ; Rubro Rosso

Far prova; Frecciare; Dar la freccia; Se CARGO, Infaonalo ; Livido di colore tra

coglie coglie; O guusla o fallo, Dicesi di rosso é paonazzo

Rossơn, Chermisi; cosa a ripentaglio di dubbio evento. Vermiglio.

COLPO, 8. m. Calpo. Colpo di legno, di COLOR SCURO, Perso, Misto di purpureo mano, di coltello, di spada, d'archibue di nero, ma vince il nero, Cupo, Oscuro. so etc.

COLÒR TEABO, Interrato o Inlerriato; Sussoro D'UN COLPO, Stroscio o Sloscio, Dicesi d' uomo impallidito e squallido, per lo colpo del cadimento di cbe che sia. Smorto e interriuto ch'ei pureva un corpo COLPO DE TAGIO, Fendente, Colpo di uscilo ďuna sepoltura.

spada o arma simile per taglio. Gli lirù un COLÒR TESTA DE NORO, V. in Testa, fendente che gli spaccò la lesta.

COLÒR TURCUìn, Turchino o Assurro Dar DEI COLPI, Colpeggiare, Spesseggiar Turchi, CHIARO, Navi, Azzurro sbiancato, re i colpi. Verde azzurrino, Azzurrino; Azzurrogno- For colpo, Far colta; Far colpo; Cob lo; Azzurriccio; Azzurrigno, Che ba simi- pire, e per metaf. Far breccia o Fur collitudine del colore azzurro o che ne parte

po o un bel colpo, Conseguire ciò che si cipa TORCHÌN SCURO, Azzuolo, Color desidera. turchino buio TRAR AL TURCHİN, Azsur- COLPO, s. m. Colpo apoplettico; Apoplesreggiare

sia o Apopletlico assolut. Esser tocco d'aCOLOR VERDE MAR, Verde azzurro o Ver- poplessia; Cadere di apoplessia. dazzurro ; Verdebruno ; Verdechiaro ; Catalessia, dicesi Upa Malattia che renVerdegiallo; Verdeporro — VERDECHIARO, de a un tratto il corpo immobile, tutto ebe Verdegaio; Festichino VERDEPORO, Por- la respirazione rimanga libera. raco; Prussino.

QUASI COLPO, Trama di gocciola PrCOLOR DEL VERO, lalino.

COLO COLPO, Paraplessia. COLOR DE VIN, Avvinato; Vinalo; Vine- COLTA (collo largo ) *. I. Termine del tico.

Governo ex-veneto, Colta o Collelta, AgCOLÒR DE VIOLA O VIOLETO, Violelto. gravio o imposizione di pubblica gravezza,

poco vivace.

TO.

[ocr errors]

COLÒK POCO SPIEGI, Colore abbagliato, vale poco vivace o come velato.

COLÒK BIADĖTO, Sbiadato; Cilestro; Aszuolo ; A68. di colore turchino buio.

COLÒK BIANCHIZZO, Albino o Subalbino o Albiccio.

COLÒR BIONDO, Biondo o Fulvo o Lionato, Agg. di Colore tra giallo e bianco; ed è proprio do' capelli e peli.

COLÒk brun, Bruno, Di color nereggiante. Brunello; Brunazzo o Brunozzo BODO dimin.

COLÒR CELESTE O LATESİN, Celeste o Ceruleo; Cilestro; Celestino e Cilestrino.

COLÒK CENERIN, Colore cenerino e cinerizio o cenerognolo , Di color simile alla cenere. Bigio sust. o Colore bigio, si dice il Coloro simile al ceperognolo, ch'è mezzapo fra il bianco ed il pero. Bigerognolo, dicesi a quel colore che ha del color bigio, 'e Bigiccio a Quello alquanto bigio.

Colon D'Aru, Verdazzurro o Verde azzurro o Colore aerino.

COLÒR DE CARNE, Carnicino.
COLOR DE CEDRO, Citrino.
COLÒN CRENESE ,

Chermisi ; Cremisi e
Chermisino.

Coldr de roGo, Affocato o Fuocato.

COLÓN DE CARDENAL, Cardinalesco; Colore cardinalesco, Rosso. COLOR DE LATB, Latteo; Latteggiante;

cenza.

ripartita a caralto d'estimo sulle terre Cupilananza, Uffizio di Capitano, e gover- L'atto del combaciare dicesi CombaciaDicovasi Txar O BUTÀR UNA COLTA per In- pamento d'un esercito.

mento. porre una colta, cioè Ordinarla e ripartir- COMANDİR EL PAN, Comand :re il pane, COMBATER, v. Comballere, Far battala sui contribuenti. dicesi del Fornaio.

glia. COLTIVAR, v. Coltivare, Lavorare la ter- COMANDİR LE PESTE, detto fam. Fare o Comballere, detto in T. famil. vale Alra o Farla lavorare.

Dar le mosse a' tremuoti; Dar Porma ai tercare, contrastare, gridare insieine, conCOLTIVAR QUALCUN, delto per similit. topi; Esser colui che debbe dar fuoco alla tendere Si dice pure per Oppugnare , Coltivar l'amicizia o la benevolenza ďal- girandola, Si dice di coloro, senza la pa- cioè Opporre, Contrapporre, Contraddire, in cuno, cioè Porre ogni studio per acqui- rola o ordine de' quali non si comincia a sign. di Contrariare con ragioni e parole il starla, accrescerla o conservarla ;. e dicesi melter mano, non che a spedire cosa alcu- detto altrui. anche Coltivare assolut.

na Soffare il nuso alle galline, detto COMBATER ON DEO, V. SCOMBATER. COLTRA (coll'o stretto) s. f. Collre o Cola metaf. e in modo basso, di Chi comanda COMBATIMENTO, 8. m. Abbattimento, tro, Coperta del letto Celone, Panno e fa tutte le faccende Guidar la ballata, Rappresentazione di battaglia per lo più lessuto e vergáto onde si copre il letto. vale Aver autorità e goverpare a bacchetta. ne' teatri.

COLTIA DEL VERSÒR, T. agr. Collro, Sor- CONANDİR COME EL PODESTÅ DE LE Gan- Nel parlar fam. COMBATIMENTO, dicesi per la di vomero che taglia da una parte sola, BARARE. V. in Popesti.

Dibattimento, cioè Controversia, disputa. e dall'altra ba un coltellaccio ritto, che se- Tra le persone di bassa mano v'ba l'uso V. COMBATER. para le fette del terreno e sì, poi le rivolge. di così esprimersi, SE LA COMANDA DE DARME COMBIÀO, 8. m. T. antiq. Lo stesso che COLTRESİNA, 8. f. Coltretla; Coltrina , QUALCOS8A; ovv. COXANDELA DE DARXE GNEN- COGNITO. V. Piccola coltre.

te? e intendono dire Mi ella o Vuol ella COMBIÀO, 8. m. Voce ant. Commiato o COLTRESÓNA, R. f. Coltrone, Gran co- favorirmi di qualche cosa per mancia? Comiato, Licenza di partirsi dimandala o perta.

COMANDĂR, parlando dell'espressione che data. COLTRINA, 8. f. Corlina o Bandinella, si fa nel giuoco di Primiera, dicesi Invi- Tom COMBIAO, Prender commiato, DoSpecie di tenda che si pone alle finestre ed lare,

mandar licenza di partire. alle porte delle stanze. COMANDO, 8. m. Comando.

Dux coxBIAO, Dar commiato , Dar liCOLTRINA DEL LETO, Cortinaggio e Cor- Comandi, T. di Marineria, Corda sottile tina.

di tre salazze incalramale ed attorte assie- COMBINA, T. agr. V. GOMBINA. COLTRINA O COLTRINÈTA DA PORTIERA DE me per diversi usi – Trinelle chiamasi COMBINIR, v. Combinare, Confrontare, LASTRE, Coltrella. l'Unione di più comandi.

Metler insieme. COLTRINÀ, add. Cortinato o Incortinalo; COMÀRE, 8. f. Comare o Comadre, chia- COMBINANSE ON caso, Avvenire; SucceChe ha cortina. Letto non cortinalo.

mano i Genitori d'un fanciullo battezzato dere; Dursi un caso, un accidente. COLTURA, s. f. Collura; Coltivamento. o cresinato Colei che lo tenne al sacro COMBINÅR UN AVIR, Diffinire o Definire;

TERE DA COLTURA, Terre collive, Terre fonte o cresima, e questa chiama parimen- Finire; Compiere,
che si possono coltivare o sono coltivate. ti Compare il padre e Conare la madre a ConsiNÅR DE LE DIFERENZE ,

Paciare ; COLŮ. V. Cucu.

ricambio. V. Sastolo e Fiozzo COMANE Pacificare. COMAGIARDO e MUCAGIARDO, 8. m. Voci vien anche chiamata la Donna maritata dal COMBINARSE, Combaciarsi; Combugiarantiq. Cumoiurdo o Mucaiardo, Sorta di così detto COMPARE DE L'ANELO -- I Preti si, delto fig. Essere nella debila proportela di pelo simile al ciambellolto.

nostri dicono Conare a Quella cui essi die- zione, pareggiarsi; Esser unito, congeguaCOMAGNA. V. CIEVOLO DA COMAGNA.

dero la benedizione nuziale, ed anche alla lo, commesso bene insieme - Accordursi; COMANDADOR, 8. m. Comandatore v Mes- madre dei bambini che hanno baltezzato. Convenirsi; Indellarsi, Roslar d'accordo; 80, Basso Ministro du' tribunali, così chia- FARSE ONA COMARE, Fare comare, cioè

ed è un altro significato. mato ai tempi del Governo Veneto, al qua- Divenir compare d'alcuna donna col tener

NO SAYÈR COMBINÁR DNA cossa, Non saper le incombeva intimare gli alti giudiziarii a ballesimo un suo figliuolo.

connellere; Non comprender beue, non ace pubblicare gli editti; in latino all' Avoga- Comare, dicesi anche a Quella donna che cozzar idee. ria dicevasi Procco. V. Ussier e PORTIER. assiste allo feminine partorienti, la quale COMBINÀR LE PAROLE, dello fan. CompiCOMANDAIZZA, s. I. Comandigia, Racco- altrimenti si chiama Levalrice; Numma- lure; Leggere u cùmpilo; Accoppiare le mandazione.

na; Ostetrice; Raccoglilrice; Mudrina ; leltere. L'accoppiar le letlero, che fanno i FAR UNA COMANDAIZZA, Ruccomandare Nutrinu; Guardadonna; e Savin.

fanciulli per imparar a leggere. E quindi alcuno Ovvero Dare un comando, un or- Curare, in T. di gergo vale Spiu; Nu- Compilasione l'accoppiamento delle lettere dine; Raccomandare un servigio; un ser- rachella , Colui che prezzolalo denunzia dell'alfabeto per formar lu sillabe. vigello. altrui.

COMBINAZION, s. f. Eventualilà; Casu; COMANDAIZZA, dicesi ancora per quella COMARÈTI, Voce vezzerg. di Comane. V. Casualilù; Accidente; Avvenimenlu; Evespecie di Comando o meglio di Grido o ZUCIR A LA COMARÈTA, in ZooÅR.

nimeniu. avviso, che dannosi a vicenda i Barcaiuoli COMAREZZO )

COMBUSTIÓN, 8. f. Combustione, dello e simili nel girare colle loro barche i i ca- COMARÓ

8. m. Ciculeccio; Cicula.

lig. e nel senso nostro più comune, valu nali della Città, per non darsi di cozzo mento ; Pissi pissi; Pusseruiv, Confuso Affanno, Travaglio, Trambusto, Confuincontrandosi all'improvviso. V. in A. cicalamento di più persone, na specialmen

sione. EL CA IN CASA UNA GRAN COMANDAIZLA. le di donne.

SEMPRE COMBUSTIÓN IN PANECIA, Sempre Egli ha una padronanza assolula , un Far un COMARÙ O COMAREZZO, Far un contese, contrusti, dissidii, ultercasioni, dispotismo; Comanda du padrone o come merculo o una pispilloriu, si dice quando differense. se fosse padrone.

p:ù persone adunate insieme ronioreggiano COME, avv. Come; A foggiu; formu; A Comandatzza, nel giuoco di Primiera di- cicalando. Quindi il proverbio Ove son fem- guisu. cesi Invito.

mine ed oche non vi son parole poche. Cure a UN DATO, Come a dirsi; Come COMANDANENTO, s. m. Termine del Fo- COMARON, 8. m. Ustetricante, Chirurgo sarebbe u dire. ro ex-Veneto, Precetto giudiziale.

profissore specialmente dell'Ostetricia, che E come! affermativa con inflessione amCOMANDAR, v. Comandare.

assisle ai parti ne' più pericolosi cimeoti. mirativa, E di che sorlal E in qual moConanvis UN ESERCITO, Capilanare o COMBASIR, 1. Cumbuciure e Combuciar- do! E vale Si certamente E come CHE Capilaneggiare un esercito - E quindi si, Il congiunger insieme cosa con cosa. AL CONTENTO! E di qual sortu mi conten

[ocr errors]
[ocr errors]

to, cioè Son coplentissimo, Lo ho per pan unto.

COME CRE va, Maniera avverb, Come sta bene; Per appunto; Come si dee Go DÀ CON CHB ra, Lo ballei ben bene, per l' appunto Go PORTA DITO CONE CHE VA, Gli parlai a dovere, con impegno, con efficacia.

Cowe i ro o Conifd, Maniera scherzovole detta per imitazione del Francese Comme i! faul, e comunemente parlata, ch' equivale

al CossEDIÈ, V. COMEDIA, s. . Commedia.

NO TOLÈR CONEDIR A CASA 801, Non voler burle o scherzi o indecenze in casa Eua; Non voler amorazzi, cioè Cose che offendapo la decepza e l'onestà.

GODER OXA BELA COMEDIA, detto fig. Godere un bel caso, un accidente curioso o simile. V. in Gopen. COMEDIOSO, add. Stravagante; Curioso.

LA COSSA PID COMEDIOSA PO LA XE QUEsta, La cosa più stravagante; La circoslanza più interessante poi, o più curiosa clla si è etc. Ovv. Il nodo poi della quistione si è. COMENZAR (colla z aspra) v. Cominciare

o Principiare. V. SCOXERZİR. COMENZARİA, 6. . Voce antica. COMBXzABIA O SCOMERZÈR, dicevasi quel Canale eh'era appena cominciato dall'arte e che Jasciavasi poi all'azione dell'acqua col flusso lo scavarlo intieramente e profondarlo. Canale iniziato o comincialo. CONEO, 8. m. Voce ant. cl’è andata in disu80, dicendosi ora da’ Veneziani Comio per Gomilo.

Maneghe CÒNBO, V. MANEGA. COMESSO, 8. m. Commesso, Quello che

riceve la commissione, o dicesi apohe Mandatario. V. COMITEKTK.

Comesso va cno, Voce fam. Camiciuola, Piccolo farsello che portasi solto al giustaccre o simile, e sopra o anche sotto la camicia per diseodersi dal freddo: detto dai Francesi Tricotè.

COMESSO DA DONA, Farsello, Vestimento del busto. Farsellino è il dimin. COMESSÓN, 8. m. Voce agr. Nagolato, Quello spazio di terra nel campo lavorato, ch'è tenuto il doppio più largo della porca ordinaria. V. Gonbina. COMÈTA, s. I. V. STELA COMÈTA. COMÈTER, v. Commeltere, Comandare.

Cuinmellere, presso i Legnaiuoli, vale unir bene per incollare, c dicesi Calellare quando si commette con addentalura. V. IWASCHIN.

CONÈTER UNA GORENA, T. de'Punaiuoli, Commellere una goniona o un gherlino o simili, cioè Riuniro o Mettere insieme i cordoni o i legnuoli per formare un cavo. Dieesi anche Impalpare un cavo. CONIÁDA, s. 1. Gomitato, Colpo di gomito.

DAR DE LE CONNE, Farc una gomilala;
Punzecchiare altrui col gomilo.
CÓMICA, 8. 1. Auitudine a sceneggiare.
Quella naturale disposizione che hanno al-

cuni Comici nel rappresentare con verità COMISSIONÁR, v. Dar commissione o le loro parti.

commessione, Incaricare alcuno di che che EL GA UNA BONA CONICA, Atteggia bene sia. V. SenegjÀR.

COMISSÚRA, 8. f. Commessura; CommelCÓMICO, s. m. Comico; Comniediante

tilura; Congiuntura; Incastratura. LuoComica, dicesi La femmina.

go dove si commette ed incastra. LA XE VERAMENTE COMICA, (e qui Comico Convento, dicesi a Spazio o segno che è add.) Maniera sam. Ella è veramente col rimane fra due cose commesso e legate inmanico, cioè Cosa stravagante.

sieme, come pietre, mattoni, legoi. TI XE TERAMENTE COMico, Oh tu sei pur CATARGHE LA COMISSDRA, Trovar le consingolare o ridicolo o curioso, cioè Soi giunture; Trovare o Ravviare il bandolo; stravagante.

Trovar la grelola , detto fig. Trovar il
COMIÈTO, 6. m. Gomitello, Dimin. di Go- modo di concludere assolutamente alcuna

milo. V. Conio.
CONÌN, 8. m. Comino ; Cunino e Cimino, CONITENTE, 8. m. Cummettente, l'oce
Pianta annuale, detta da Linn. Cuminum mercant. e diceri di Colui che ordina una
Cyminum e posteriormente Ligusticuni cosa o commette alcuna faccenda al suo cor-
Cuminum, il cui seme, ch'è molto odoro- rispondente. V. COXESSO.
80, si cbjama collo slesso nome ed ha un COMITO (coll’o largo) 6. m. Comito, Quel-
sapore più aromatico e grato che il finoc- l'Ufiziale che comanda alla ciurma delle
chio, a cui molto somniglia. Il seme stesso galee, e ch'è dipendente dal Sopraccomito.
è cibo gratissimo a' piccioni terraiuoli. Gli V. SARACOMITO.
Olandusi lo mettono nel formaggio e i Te- COMO, Sincop. di Comodo avv. V.
deschi nel pane.

COMO, 6. m. Cussettone, Arnese o masse-
DAR EL Cunir, Dare il comino, e vale

rizia nota. Alleltare i compratori alla bottega col far | COMODA, 8. f. Cassetta, che dicesi anche loro piacere. E per simil. si dice dell'Adu- Cesso; Seggetla, Arnose da farvi i suoi Jare o lisciare la coda altrui.

agi. COMINCIAR, V. SCOMENZİR.

COMODÌ, add. Accomodato; Adagiato. V.
CONIO (coll'o strelto) 8. m. Gomito o Gom- CoxODİR.
bilo e Cubilo.

Conopi A TOLA, Assiso a mensa ; Im-
Comio puxa MORAGIA , Comito, cioè pancuto.
L'angolo ottuso d'un muro Cantonate | COMOIDABLE, add. Accomodabile , Che
dicesi L'angolo retto od acuto.

pud accomodarsi.
DOLÒR DE COMIO, DOLOR DE vario. V. COMODADA, 8. f. Accomodatura; Accomo-
DOLOR.

damento; Aggiustamento. FAR DE CONIO O DE COMIETO, Punzecchia- Darse OrA BONA COMODADA, Accomodar. re o Frugare col gomito.

si; Adagiarsi, Sedere – Io altro sign. AcGUADAGNİR IN TEL conio, Fur il civarzo conciare i fulti suoi. di Monna Ciondolina , vale Negoziare con COMODÀR, , Accomodare, Ridurre a ben iscapito. V. Avarzo e Descarepin.

essere; Acconciare. STAN POZĂ sur coni, Slur gomilone o COMODÅR BEN I Kati soi, Accomodure o gomiloni; Posarsi gomitone - Accubito, Acconciar l'uova nel panieruzzolo o nel vale Giacere all'usanza de'Greci e degli panieruszo, detto ligur. antichi Romani, col corpo giacenle, appogo Accomodare, dicesi per Convenire, adalgiala sopra il gomito la parte superiore. tare Tuto GHE CONODA, Tirerebbe a un

PACÅR IX TEL COMIO, Dar un canto in lui, Si dice d’uomo misero, cui s'affaccia pagamento, vale Partirsi senza lasciarsi ogni cosa per piccola cli'ella sia. Tullo gli vedere dal creditore.

accomoda, cioè 'Tutto gli conviene Sro TOR IN CONio, che avche dicesi TUR IN AFAR NO ME COMODA, Quest' afarc non mi CESTO O IN GROPA O IX colo, Maniere bas- torna, cioè Non mi piace o Non mi torna se, delle figur. Avere una polezzola die. a conto. tro, Discapilare, Perdere, Aver daono.

Co se xe COMODAI SE MOR, Nido sullo, COMISSION, s. I. Cummessione o Commis

gazzeru morla, prov. o vale che In questo sione, locombenza.

inondo tosto che uno ci si è bene accomoLIBRO DE LE COMISSIÓx, Commissioni , dato, ei muore. dicevasi ai tempi della Veneta Repubblica CoXODAASE, Agiarsi; Adagiarsi; Agiaa quel Libro in carta pecora, manoscritto, tarsi; Acconciarsi; Accomodarsi, Nellerche dal Governo si consegnava per loro si a sedere LA. SE COMODA, Si accomodi; istruzione e direzione ad alcuni pubblici Si adagi; Sieda. Rappresentanti dello Stato nuovamente elel- COMODÈTA DA LETO, 8. f. Predella , li, nel quale erano raccolte le leggi.e i re- l'aso di stagno, di cui si servono gl'inforgolamenti speciali, da osservarsi pelle pro- mi per fare, stando in lello, i loro agi. vincie ch'erano alla loro aniministrazione | COMODètó, add. Agiatello. commesse. I giureconsulti romani chiama- COMODİN, 6. m. Mallo, T. di giuoco. Carvano queste regole Mandala ; e qualche la determinata, la quale a certi giuochi, pubblico Rappresentante veneto diceva come specialmente a quello di Bazzica, si QUESTO XE 'L NIO NANDATO.

fa contare quanto si vuole. Per lo più ec- Nel giuo

TA. Y.

[ocr errors]

sa è un selle. la Francia la Malta è ordi- ; COMPAGNAMENTO, V. ACCOMPAGNAMENTO. TEZIÓN, Comprotettore – DE PROFESSION, Dariamente il nove di Quadri.

COMPAGNIA, s. f. Compagnia per Accom- Professore compagno. SERVİR AI ALTRI DE COMODİN, Servire per pagoamento.

Aria Compagna, Aria simbola, vale Aria lucerniere , detto fig. vale lo stesso che Compagnia, dicesi per Società, unione, analoga. Aria dissimbola, è il suo contraTenere il lume; e si dice dell'Intervenire conversazione Stormo vale Compagnia rio. in alcun fatto senz'avervi utile o interesse gioviale -- COMPAGNIA BARONA, Scapiglia- COMPAGNON, ., m. Compagnone. Uomo proprio, ma solo per servizio o comodo lura, Intendesi di gioventù rilassata. gioviale, piacevole, di buon tempo, Buon altrui. Di due amanti all uno tocca trion- COMPAGNIA DE Negozio, T. Merc. Cum- coinpaguo, Gregale; Compagnevole — BON fare, e quell' altro ha a servir per lucer- pagnia; Ragione; Società Commandi- COMPAGNON, Sguazzatore, Godilore. niere.

ta o Accomandila, dicesi alla Società di COMPANADEGO, s. m. Companatico o Conopix, dolto in lingua furbesca, vale commercio, per cui una o più persone com- Companatica, Si dice di tutte le cose che Culo.

ministrano il danaro necessario pel traf- si mangiano col pane. Camungiare, dicesi Nel giuoco di Calabrache, presso a noi

fico ad altre, le quali mettono la loro ope- per ciascheduna vivanda. lo Matte sono il Due e il Fante di spade, ra per farlo fruttare. Quindi Far accoman- COMPANIZÁR, v. Fare a miocino , Acil Re di dapari, e il Dieci di danari, detto dila o Dare in commandita, Accoman- compagnar col pane le vivande, mangianaltrimenti ConopÌN DE DANARI

ditario poi dicesi Quegli che riceve in ac- dole a poco a poco. co del PANvil principalmente il Fante di

comandita e sotto il cui nome va tutto il ConPANIZIO LA ROBA, Spuragnare; Rispade, poi il Fante di bastoni. negozio.

sparmiare; Amministrare o Distribuir a COMODİNA, 6. f. Lo stesso che CoMovg Omo DE COMPAGNIA, V. COMPAGNÒN. dovere; Usar economia, Saper far 480 re

COMPAGNO, s. m. Compagno, Quegli che golato delle proprie facoltà. COMODO, s. m. Comodo; Comodilů; Agio; accompagna o sa compagnia.

COMPARE, s. m. Compare o Compadre. Agiatezza.

Compagno, parlando di cose inanimate, Patrino, Quello che tiene a battesimo o a CON TUTO EL SO COMODO, A suo agio; A

diciamo anche in vergacolo per Simile, cresima. grande agio; A buon agio; A panciolle;

conforme - Equivalente o Equipollente, COMPARE DE SAN ZUANE, Compare a batConsolatamente; Agiatamente, Pigliando

Dello stesso valore o peso Equidistante, tesimo. sela larga.

Della stessa distanza Pariforme, Della COMPARE DE L'ANÈLo, Testimoniu degli STAR CON COMODO, Stare ad agio

stessa forina - Omo CHE NO GH'À EL con- sponsali o Pronubo. Slar bene a pollaio , vale Adagiarsi con PAGNO, Uomo incomparabile

No GHE NE

DEVENTÀR COMPARE, Incompararsi, Coltutta comodità Stare a disagio è il suo VIEN DE COMPAGNI, Natura il fece e poi legarsi per comparatico

Fare comare contrario.

ruppe la stampa -- VU ALTRI SĖ DO STO- vale. Divenir compare d'alcuna donna col STAR CON TUTI I 80 COMODI, Star agia- LIDI COMPACNI, Voi siete di guuime due tener a battesimo un suo figliuolo. tamente, a piè pari, a cul pari, a gam

melloni, dicesi lig. Di due sciocchi in som- COMPARE PIRRO, delto anche BRUSOLA • be larghe, a panciolle ; Slare in barba mo grado FAR COMPAGNO, Agguagliare; Lori, Nomi differeoti che si danno nella di gallo o di micio, Star con tutti i suoi Eguagliare; Uguagliare; Adeguare; Pu- provincia Padovana a quell'uccello che noi agi -- Egli è un falanina; Dorme co'guan- reggiare - COMPAGNO AFATO, Pari pari o chiamiamo BBCIÓRA. V. ti; È fulto di piato; Si accorda al caldo

Puri affatto Tuti BARONI COMPAGNI, V. COMPARISMO . COMPARESNO, Cumparacome le pecore; La paura gli guarda la BARON.

tico e Comparaggio, L'esser comparo. vigna, per esprimere Un uomo delicato e Box COMPAGNO, Buon compayno o pido, COMPARSA, s. f. Comparsa; Comparigioche non vuole disagiarsi — CHI STA CO TO- fedele, leale, orrevole compagno - Ca- ne e Comparisione, L'atto di farsi vedere. 11 I 30 COMODI CA IN COLO EL GOI, Come TIVO COMPAGNO, Compagnaccio Picolo BELA COMPARSA , Comparita; Comparidisse lo spino alla serpe , chi non può COMPAGNO, Compagnino.

scenza; Appariscenza; Far comparita. slar se ne vada, E si dice di Chi stando Compagno, vale anche per Seguane

COMPARSA D'UN WORTO , Apparimenio ; comodo ed essendo guarnito di gran pote- Essex TUTI COMPAGNI, Esser lutti d' una Apparita ; Apparizione, dicesi la Visiopo re, non si cura degl’incomodi e pericoli al- buccia, d'uno stesso pelo, della medesi- cbe alcuni dissero di aver avulo d'una trui. V. Goi. ma pannina, d'un pelame, d'un sapore;

persona morta. TOR$KLA CON COMODO, Pigliursela conso- Esser macchiali d' unu pece o ď una COMPARSA DEL SOL, DE LA LUNA etc. Aplala o Far che che sia consolalo: dicesi

parimento o Apparizione. dell'Imprendere a far che che sia con agio Compagno D'ABITAZIÓN, Coabitatore, E COMPARSE, T. di Teatro, Comparse e senza molto affaticarsi. Quando mangi quindi Coabitazione.

Personaggi muti. V. FIGORANTE. e bei, mangia consolalo e mastica bene. Compagno D'Upizio, Collega

COMPARTO, 1. m. Comparto; CompariiComodo, Laterina e Latrina; Cesso; RA, Commilitone

DE EREDITÀ, Coerede, mento; Scompurtimento, Distribuzione. Fogna, Luogo dove si gettano le immon- Collegatario dicesi Colui al quale è stata COMPARTI DE

T'I LARDINI, dizie.

lasciata una cosa in legato unitamente ad Scompartimenti; Siepicine di bosso; Cor. COMODO, add. Comodo; Agialo; Largo , una o più persone

COMPAGNO DB SOCCBS- doni o Fregi di bosso. direbbesi del Movimento.

BIÒN, Consuccessore

COMPAGNO DE NE

COMPASSÅR, v. Compassare, Misurar col Ono conopo, Uomo agiulo o adagiato

GOZio, Consocio

De scola, Condiscepolo compasso. cioè comodamente fornito di beoi di for- De Tola, Commensale

CompagNO NE

CompassİR ON DISCORSO, delto fig. Pesan tupa.

L'utile, Compartecipe - Compagno NE LA re, vale Misurare per l'appuoto le parole VELÅDA COMODA, Giustacore agiuto, Lar- PROPRIETÀ, Compadrone; Comproprietario d'un discorso, Misurare i termini. V. in 80.

Compagno D’Eti, Coetaneo – Compagno PAILÀR COMODO O COMUÒDO, e anticam. anche A NE LA COLPA, Correo o Complice Coupas COMPASSO, •. m. Compasso, Strumento COLDÒVO (dal latino Quomodo) Come? In GNU DE NOVIZIADO, Connovizio

geometrico poto; dello ancora volgarmento qual modo ? Ma si usa sempre coll' inter- No, Codonatario ---- CoupAGNO DEL DEBITO, le Sesle. rogativo.

Condebitore -- CompAgNO DE PIEZARİN, Con. Gunbe o Aste del compasso, si chiamaCONÒDO XE STA PACENDA? Come va que- fideiussore o Commallevadore Compas no i due pezzi che lo compongono. Punte st' asfare o la faccenda o la bisogna? GNO DE COLOR, Concolore

CompaGNO DBL sono le due estremità delle gambe. Nodo, Condo rala? (dal lat. Quomodo vales) SERVIZIO, Conservo

Compagno De Si- dicesi l'Unione impernata delle gambe. Come state di salute?

NORÐs, Consignore

COMPAGNO DE PRO- Copipasso di grussesza o Compasso

stessa pece.

[ocr errors]
[ocr errors]

IN

[ocr errors]

DEL DO

[ocr errors]

rare.

torto da legnaiuoli, dicesi Quel compasso Sonda COUPIKTA , detto metaf. valo fi- far pulla Ei siede a gambe larghe e cho ba lo gambe ricurvate al di dentro. nirla, Dar termine.

si fa vento. GRANZO Compasso, V. io Granzo. COMPLESSION, .. f. (che anticamente si COMPONERSE, parlando di vivande, CroCOMPATRON, &. m. Compadrone; com- trova scritto COMPLENSIÓN) Complessione, giolare; Stagionare, cioè Cuocersi bene, proprietario, Ugualmenle padrone o pro- Temperatura, stato del corpo.

perfezionarsi e condursi con fuoco temperato. prietario di che che sia.

OmO DE BORA COMPLESSIÓN, Bene com- COMPONITOR, s. m. Compositore o ComCOMPATRONANZA, 6. 1. Condominio; plessionato DE CATIVA COUPLESSIÓR , ponitore, Quello che compone ; o che nello Comproprield.

Male complessionato, Debole

De con

stamperie metle insieme i caratteri e gli COMPENETRAR, V. Voce di nuovo conio PLESSIÓN SUTA, Segaligno, Di complessione acconcia per la stampa. dataci dai Lombardi, ed usata benchè adusta.

COMPORTÀR, v. Comportare cioè Richiometaforicamente nelle carte di pubblica COMPLESSO, s. m. (che gl'idioti dicono dere, concedere. Il suo stato non lo comamministrazione, come più espressiva nel COMPRESSO) Complesso, Un tutto insieme. porta. V. RICHIEDER. sign. di Confondere ; Immedesimare; A. Dano in COUPLESSO, Danno complessi- COMPORTARSE, Comportarsi, dicesi della malgamare.

vo; La totalità o La somma complessiva maniera di trattare colle persone. ComDicono per esempio: La tassa compe- del danno, cioè La somma intiera. La porlarsi bene col marito, colla moglie. tente ad uno scriltore che intervenga ad voce Complessivo è usitatissima del Foro. COMPORTÅR diecei ancora per Sopportaun accesso oltre al Cancelliere, è compe- COMPLESSO, add. detto per agg. a Uomo, re; Sofferire. netrata in quella dello stesso Cancellie- Complesso, Pieno di carne, Membruto , COMPOSITOR, 6. m. Lo stesso che Corre: cioè che nella tassa del Cancelliere è

Informato; Uomo ben complesso; Atliccia- PONITÒR, V. compresa anche quella dello Scrittore lo; Ben tarchiato.

Compositoio, T. di Stamperia. Aracso I diritti di Sempronio sono compenetrati MAL COMPLESSO, Mal formato; Male am- per la stampa, in cui si compongon le linee in quelli di Antonio : cioè immedesimati, mannito. V. Scachio.

ad una ad una, e serve a dar loro la do confusi.

COMPLETAMENTE, avv. (dal Franc. vuta giustezza. COMPENSA, V. COMPENSO.

Complètement ) Compiutamente o Compi- In termine de' Getlalóri di caratteri, diCOMPENSO, 6. m. Compenso, vale Ripie- lamente, Intieramente, Di tutto puoto. cesi Compositore ad una Specie di compogo, rimedio -- Compenso o Ricompenso, COMPLETĂR, v. (dal Franc. Compléter) sitoio di legno daro addetto al registro, dicesi anche per indennizzazione di danni Riempire, T. Mil. Metter a numero, For- che serve pel pulimento delle lettere. ricevuti.

nire le compagnie o l'esercito del numero COMPOSIZION, .. 1. Composizione o ComMETER COUPLN80, Rimediare ; Ripa- d'uomini prefisso.

ponimento.

Questo verbo però si suol usare da alcu- ComposiziÒN VINCUIONA, Cruscata; PipCONPENSO, T. Mar. Cappuccino , Nome ni anche nelle scritture, nel sign. di Com- pionata; Tanlasera; Tantaferala, Coo che si dà generalmente a tutti i pezzi piere o Compire, Dar compimento o ter- posizione sciocca e scipila. curvi, che servono a collegar insieme lo va- Dine a che che sia, Finire intieramente. COMPOSTA, s. f. Composta e Conserva, rio parti delle navi. A Genova si chiama COMPLÈTO, add. (coll'e aperta) (dal Fran- Frutta, Fiori ed altre cose confettate nello Riscontro o Riempimento.

cebe come sopra) Completo o Compiuto, zucchero. COMPLASER, v. Compiacere.

in T. Mil, s'usa per lo più parlando di vit- CONPOSTE IN ASEO, Acetume, Cose di laLa 8B COMPIAS, Si compiuccia. Maniera torie, e del numero de' soldati stabiliti per

pore acetoso, e propr. Quelle che si conciaimperativa usata nel dialetto, onde si or- ogni compagnia o reggimento. Dicesi Ri- no coll'aceto, come sono i capperi, i pepedina ad uno di fare o non fare una tal cosa. portare una vittoria completa. Reggimen. roni, i cetriuoli, etc. LA SR COMPIASERI, Compiacersi è anche to completo. V. INCONPLETO.

COMPOSTÀR, v. Couposti. 1071, parola di cortesia o di rispetto, e vale De- COMPLÒTO, s. m. (dal Franc. Complot) Confettare o Condire, Conciar frutta nello gnarsi. P. e. Si compiaccia V. S. di legge- Combriccola, Compagnia o conversazione zucchero ComposTİK PBVERONI, CAPARI, re, di avvisarmi, etc. Oggi s. A. si è di gente, che consulti insieme di far male o

CUGDIERETI, OLIVB etc. Acconciare o Con compiaciuta di dirmi etc. d'ingannare.

ciare, vale Marinare, salare o confettare la COMPIENAZZO Repienizzo, add. Rin- Macchinazione; Trama; Postura, De- aceto per conservargli

. fuso; Ripieno, che ha ripienezza, e dicesi

liberazione segreta o fraudoleota. Cabala COMPOSTİNI, 8. m. (che suona Piccola dello Stomaco per troppo cibo. V. SUNANZA. segrela.

composte) si chiamano Quelle olive nero, COUPIRNAZZO DE

SANGUE Sanguigno, COMPONER, v. Comporre; Compilare; Tes- che acconce o conservate nell'olio ei proChe abbonda di sangue. Aver replezione sere; Distendere , dicesi di Scritture

vengono dalle isole del Levante e specialCostruire o Cunstruire, direbbesi di Cose mente da Corsù. COMPIETA, s. Compieta, L'ultima delle meccaniche.

COMPOSTO, 8. m. Composta o Composiore canonicho.

COMPÒNER, detto in T. degli Stamp. Com- cione, Mescuglio di cose acconce insieme. COMPIÈTA DE LA SETTIMANA SANTA, Trich porre, Trarre i caratleri dalle cassette, ac- COMPRADA, .. Compera ; Comperatrach, chiamano i sanciulli un Martello di conciandogli e riunendogli per la forma mento, Il comperare

Ho Di ONA 10legno imperpato e mobile sopra d'un asso, della stampa.

NA COMPRADA, Ho comperato molte cose ; con cui per trastullo sapno rumore ne' COMPONÈB DE LE PERSONE, Comporre. Ri- Ho fatto compera di molla roba ; Molto giorni di passione, come si fa colla raga- conciliare gl' inimici fra loro, pacificare ho comprato. nella -- Un simile stromento, a cui in vece - Couponerse, Comporsi, cioè Accordarsi, COMPRADOR, verb. m. Cumpralore; 16de' martelli sono attaccati due manichi di aggiustarsi.

quirente. ferro che agitati fanno lo stesso eletto, di- CONPONERSE AL roGo, maniera fam. Cro- COMPRAR e trivialmente CRONPÀR, v. cevasi antic. Tempella, dal che il verbo giolarsi; Pigliar il crogiuolo: dicesi anche Comperare o Comprare. Tempellare -- Raganella o Tabella dicesi dell'uomo, quando dopo una fiamma conti- COMPRAR A L'INGROSSO, V. INOROSKO. ono Strumento di legno composto d' una nua a stare intorno al fuoco fiu ch'esso COMPRAR A STIAZZANERCI , Comprare a ruota dentata, la quale venendo raggirala sia tutto inceperito.

buon mercato o per un pezzo di pane. cagiova rumore. S'usa anche questo stro- COUPONERSE IN LETO, Crogiolarsi o Gro- COMPRAR A PRONTI, Comperar a danari mento nella settimana santa per invitare giolarsi; Poltrire in letlo. V. Gor.

pronti, a contanti. all'ufficio, quando son legate le campan 8,

COUPONERSELA,

Dondolarsela; Donzel- Comprin Caro, Sopraccomperare; Comper suonare in Chieva. larsela; Stare in panciolle, Stare senza

prar caro, Boerio.

24

di sanguc.

« IndietroContinua »