Ricerca Immagini Maps Play YouTube News Gmail Drive Altro »
Accedi
Libri Libri 71 - 80 di 150 su Dell' un de' lati fanno all' altro schermo; Volgonsi spesso i miseri profani. Quando....
" Dell' un de' lati fanno all' altro schermo; Volgonsi spesso i miseri profani. Quando ci scorse Cerbero, il gran vermo, Le bocche aperse, e mostrocci le sanne: Non avea membro che tenesse fermo. E il duca mio distese le sue spanne; Prese la terra, e con... "
La Divina commedia di Dante Alighieri - Pagina 51
di Dante Alighieri - 1874
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Virgilio e Dante: confronti critici tra L'Eneide e la Divina Commedia

Giuseppe Cavarretta - 1896 - 250 pagine
...fermo»; al « molle soporalam et mcdicatis frugibus offam obiicit » fa riscontro « e il Duca mio distese le sue spanne, prese la terra, e con piene le pugna, la gtttò dentro alle bramose canne»; all' «itle fame rabida /ria gullura pandens, corriplt obicclam,...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Commento alla Divina commedia de Dante Alighieri, Volume 1

Dante Alighieri - 1898
...Prese la terra e con piene le pugna La gittò dentro alle bramose canne, 10 Qual è quel cane, che abbaiando agugna E si racqueta poi che il pasto morde, Che solo a divorarlo intende e pugna, 30 11 Cotai si fecer quelle facce lorde Dello demonio Cerbero, che introna L' anime...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Il processo cosmomorfico nel Divino Poema

Silvio Marchi - 1901 - 143 pagine
...gran vermo, Le bocche aperse e mostrocci le sanne: Non avea membro che tenesse fermo. E il duca mio distese le sue spanne, Prese la terra, e con piene le pugna La gittò dentro le bramose canne. Qual è quel cane che abbaiando agugna, E si racqueta poi che il pasto...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Dante and the Animal Kingdom

Richard Thayer Holbrook - 1902 - 376 pagine
...gran vermo, Le bocche aperse, e mostrocci le sanne : Non avca membro che tenesse fermo? E il Duca mio distese le sue spanne ; Prese la terra, e con piene le pugna La gittb dentro alle bramose canne. Qua! e quel cane che abbaiando agugna, E si racqneta pot che il pasto...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Sul limitare; poesie e prose por la scuola italiana scolto da Giovanni Pascoli

1902 - 616 pagine
...vermo le bocche aperse, e mostrocci le sanne : non avea membro che tenesse fermo. 18 E 'l Duca mio distese le sue spanne; prese la terra, e con piene le pugna la gittò dentro alle bramose canne. Qual è quel cane che abbaiando agugna, e si racqueta poi che 'l...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

La Divina commedia

Dante Alighieri - 1903 - 1166 pagine
...Cfr. 1 и/. XXII, 56. [CEKCHIO TKKZO] [CEEBERO] 53 Non avea membro che tenesse fermo. 25 E il duca mió distese le sue spanne, Prese la terra, e con piene le pugna La gittô dentro alie bramóse canne. 28 Qual è quel cane che abbaiando agugna, E si racqueta poi che il pasto morde,...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

La divina commedia commentata da G.A. Scartazzini

Dante Alighieri - 1903 - 1166 pagine
...presa. Atto di cane adirato. Cfr. Inf. XXII, 56. Non avea membro che tenesse fermo. 25 E il duca mio distese le sue spanne, Prese la terra, e con piene le pugna La gittò dentro alle bramose canne. se Qual è quel cane che abbaiando agugna, E si racqueta poi che...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Le symbolisme dans la Divine comédie de Dante

Eleanor Frances Jourdain - 1904 - 136 pagine
...gran vermo, Le bocche aperse, e mostrocci le sanne : Non avea membro che tenesse fermo. E il duca mio distese le sue spanne ; Prese la terra, e con piene le pugna La gittô dentro alle bramose canne. Quai è quel cane che abbaiando agugna, E si racqueta poi che il pasto morde Che solo...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

"Lectura Dantis" genovese, Volume 1

1904
...gran vermo, Le bocche aperse, e mostrocci le sanne: Non avea membro che tenesse fermo. Lo duca mio distese le sue spanne. Prese la terra, e con piene le pugna La gittò dentro alle bramose canne. Qual è quel cano oh' abbaiando agugna. E si racqueta poi che il...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro

Beihefte Zur Zeitschrift Für Romanische Philologie, Volume 10,Edizioni 1907-1908

1907
...dès qu'il mord sa pâture, tout occupé de la dévorer à l'écart (Enfer, VI, 28) : Quai è quai cane ehe abbaiando agugna, E si racqueta poi che il pasto morde, Che solo a devorarlo intende e pugna.1 La même image a été rendue par Rabelais d'une manière non moins réaliste...
Visualizzazione completa - Informazioni su questo libro




  1. Biblioteca personale
  2. Guida
  3. Ricerca Libri avanzata
  4. Scarica PDF