Allegro ma non troppo

Copertina anteriore
Il Mulino, 1988 - 83 pagine
Un "divertissement", un guizzo anarchico dell'intelligenza. È così che si possono definire queste pagine nelle quali Cipolla abbandona gli austeri panni dello studioso e, giocando sul filo del paradosso e dell'assurdo, costruisce due brevi saggi: il primo, una ilare parodia della storia economica e sociale del Medioevo; il secondo, una sorta di scherzosa teoria generale della stupidità umana.

Dall'interno del libro

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Valutazioni degli utenti

5 stelle
23
4 stelle
1
3 stelle
4
2 stelle
1
1 stella
0

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Arguto, umoristico e realistico, lo si legge in un sorso ma dopo lo si rilegge perché ti fa riflettere. Da non perdere !!!

Allegro ma non troppo

Recensione dell'utente  - giuliog02 - IBS

Una parte del libretto costituisce un divertissment storico, che purtroppo si ferma al Medio Evo, di assai piacevole lettura. Il saggio " Le leggi fondamentali della stupidità umana " colpisce e resta ... Leggi recensione completa

Sommario

Sezione 1
5
Sezione 2
43
Sezione 3
45
Copyright

8 sezioni non visualizzate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche