Io non ci sto. Il coraggio di un uomo contro la mafia

Copertina anteriore
Rai Libri, 2021 - 208 pagine
Quando a marzo 2020 è scattato il lockdown, Natale Giunta, ristoratore e chef di fama internazionale, non ha gettato la spugna, anzi si è letteralmente rimboccato le maniche e, mettendosi a confezionare lui stesso le pietanze che uscivano dalla sua cucina, ha organizzato un capillare sistema di consegna a domicilio per tutta Italia. Si è reinventato, ha trovato una strada alternativa per non andare a fondo e ha cercato, per quanto possibile, di rendere meno amari quei giorni ai suoi clienti. Che fosse un uomo dotato di tempra e coraggio, d'altronde, lo aveva già dimostrato diversi anni fa, nel 2013, quando ha denunciato i mafiosi che erano venuti a chiedergli il pizzo. Lui si è rifiutato, "perché il permesso di aprire un ristorante va chiesto allo Stato e non alla mafia", ed è andato a denunciarli. Alla denuncia sono seguite quindi intimidazioni e minacce, in seguito alle quali Giunta è stato messo sotto scorta. La sua attività ha subito un duro colpo, ma lo chef non ha ceduto e alla fine i responsabili sono stati arrestati e condannati. Natale Giunta ha reagito, non si è arreso a quello che è stato a tutti gli effetti un ricatto della criminalità e ha continuato a fare il suo lavoro, nella sua terra, una terra difficile, che solo grazie a persone che come lui non chinano il capo difronte alle ingiustizie può nutrire la speranza di sconfiggere la mafia.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Informazioni bibliografiche