L'Iris di Firenze, fiore e stemma della Città: Una lettura botanica del Giglio Fiorentino

Copertina anteriore
il Valico Edizioni, 08 dic 2013 - 320 pagine
2 Recensioni

Storia figurativa del Giglio Fiorentino, stemma della città di Firenze, secondo una lettura botanica che mostra la corrispondenza fra il giglio araldico e la specie botanica Iris florentina L. il cui nome risale all`utilizzazione del giaggiolo officinale coltivato in area fiorentina fin dall`antichità. Nel libro viene spiegato inoltre in che modo nella figura del Giglio Fiorentino entrino in gioco altre due specie a fiore bianco: l`Iris alba Savi e il Lilium candidum L., le quali hanno contribuito in maniera assai evidente ad ispirare la nascita e l`evoluzione grafico-artistica di quella vera e propria opera collettiva creata e ricreata da diversi maestri che si sono susseguiti nel corso dei secoli, fin dalla più arcaica rappresentazione presentata nel libro risalente alla tradizione preromanica.

 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Una minuziosa lettura botanica del Giglio Fiorentino che svela il legame e l’esatta corrispondenza fra l’arme di Firenze e il fiore che essa rappresenta.
Per mostrare la corrispondenza araldico
-botanica fra il fiore della pianta di iris, chiamata comunemente anche giaggiolo o giglio, e lo stemma di Firenze, vengono prese in considerazione, e mostrate fotograficamente, le più antiche e conosciute rappresentazioni del Giglio Fiorentino suddivise, a seconda dell’epoca e dello stile, in tre gruppi: preromanico-romanico; medievale-gotico e rinascimentale.
La scelta di rappresentare il fiore dell’Iris florentina nell’originario stemma della città è senza dubbio da ricercare anche nella particolarità di questa specie botanica di avere il fiore bianchissimo, dunque simbolicamente collegato agli ideali di purezza e perfezione che questo colore richiama. E’ altrettanto vero però, come precisa l’autrice, che la pianta di Iris ha un legame fortissimo e strettissimo con il territorio fiorentino, a causa dell’utilizzazione in campo farmaceutico e profumiero del suo rizoma, coltivato con profitto in Toscana ancora oggi.
 

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Lodevole lettura figurale ! Grazie e felice 2015 !
Cordialmente
Maria Vittoria
(architectura est firmitatis utilitatis venustatis pia ratio in bonum & ius soli sanguinis legisque)
in Bononia Alma Mater Studiorum Studentorum 

Indice

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2013)

 Alessandra Perugi è nata nel 1969 a Firenze, dove si è laureata in Scienze Naturali nel 1996. E’ titolare del Valico Edizioni, Casa Editrice costituita a Firenze nel 1998 in corrispondenza della pubblicazione di Rugiada del Sole, un libro che la stessa Alessandra Perugi ha scritto sul ritrovamento presso Fucecchio di una rarissima varietà della pianta carnivora Drosera rotundifolia. Con il Valico Edizioni, che ha un suo studio grafico interno, Alessandra Perugi lavora nel settore dell’Assistenza Tecnica Editoriale per autori, associazioni ed Enti Pubblici, svolgendo nel contempo le proprie ricerche nei campi delle Scienze naturali e della fotografia editoriale.

Informazioni bibliografiche