Immagini della pagina
PDF
[ocr errors]

D E C I M A

E DI VARIE ALTRE GRAVEZZE
IMPOSTE DAL COMUNE
DI FIRENZE

D E L L A M o N E TA

DELLA MERCATURA

D E' FI O R E N T I N I
fino al Secolo xvi. ,
lo, Pagnani

[ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][subsumed][ocr errors][graphic]
[ocr errors][ocr errors]

. . -- •' • . * .. * a. T. • - . . Saejr me feciffè arbitror, & Officium hominis, & civit Åimplere, ß labor meus aliquor ab inertiâ liberator, ad haec ipfâ melius, atque uberius traäanda incitaverit. Ex La&ant. de Opific. Dci.

.£doro itaque fupplex ADRASTIAM ob ea, quæ díífurus fum Glauco:

eorque minus eum delinquere, qui non /ponte aliquem perimit, quam

qui circa eofitationes de Homefiis, &* £omir, Ja/iifjue fallis.Socratcs apud Platon. de Rep. lib. V.

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors][ocr errors]
[merged small][ocr errors]

S, I. Ella mancanza di Scrittori, che insegnino il modo tenuto in Firenze nell'imporre, e distribuire le Gravezze pag. 1. S. II. Della stessa mancanza rispetto alla valuta delle Monete,

do al Commercio pag. 4 , S. III. De motivi per i quali si considera il tratto di tempo decorso dal Secolo XIII fino al XVI pag. 6.

P A R T E P R I M A Della Decima, e delle altre Gravezze del Comune di Firenze, s Ez I o N E P R 1 M A.

[ocr errors]

le Prestanze fino all' anno 1427. pag. 14. Cap. V. Degli onori, e comodi goduti da chi pagava puntualmen

te, e delle pene contro a Contumaci. pag. 18. Cap. VI. De tentativi più volte fatti per introdurre la distri

buzione nelle Prestanze per via d' Estimo pag. 2o, Cap. VII. Reflessioni sopra il metodo precedente pag. 23

S E Z I O N E II,

Cap. I. Del Catafio pag. 25

[ocr errors]

Catasto pag. 27 Cap. III. In qual luogo avesse effetto il Catasto, e delle nuove compilazioni, che se ne fecero pag. 29. Cap. IV. De vantaggi, e comodi di questo regolamento pag. 3 ICap. V. De Difetti di questo metodo pag. 32Cap. VI. Congetture sulla popolazione di Firenze - S pag 35. EZl O

« IndietroContinua »